Rai Paralimpiadi Rio 2016

Zanardi: "Sono pronto, andrò molto forte"

"La sfida più grande? Essere un buon padre"

1473356266108_GettyImages-169429184.jpg"Nella staffetta credo ci siano tutte le premesse per fare ancora di più. Ora, da bravo italiano, mi sto già mordendo la lingua per quello che ho appena detto. Però, sulla carta siamo veramente i più forti". Così all'aeroporto di Fiumicino il campione olimpico, ex pilota di F1, Alex Zanardi, poco prima di partire per Rio con il resto della Comitiva azzurra paraciclistica.

"Nelle gare individuali io dico sempre che sono come il vino rosso: più sta lì e più migliora; anche nella realtà non è proprio così - prosegue Zanardi - Io so' di poter ripetere lo stesso tipo di prestazioni che già in passato mi hanno regalato grandi soddisfazioni. E' logico che gli avversari, alcuni in particolare che hanno la metà dei miei anni, sono carne che cresce; quindi non sai mai cosa ti puoi aspettare. Però, qualora dovessi fare 'il mio', ed è ciò che scientificamente so' di poter fare, sarò comunque molto soddisfatto. E se gli altri andranno più forte? Bisognerà davvero fargli i complimenti, perché io andrò molto forte".

"Iniziare una nuova avventura Paralimpica è già un mezzo miracolo, qualora dovessi portare a casa le soddisfazioni che sogno allora il 'miracolo' sarebbe davvero completo - aggiunge allegramente il campione olimpico - Io mi sono preparato intanto per fare in modo che questo accada. E l'ho fatto con grande coscienza, insieme con tutti i miei compagni della Nazionale italiana paraciclistica". Zanardi, 50 anni a ottobre, due ori e un argento alle Olimpiadi di Londra 2012, gareggerà a Rio il 14 settembre nella crono, il 15 nella prova in linea e il 16 nella staffetta. Oltre ai successi sportivi attualmente è conduttore televisivo del programma "Sfide" su Raitre. Alla domanda su quale sia oggi la sua sfida più importante il campione olimpico ha così replicato.

 "Probabilmente la sfida più grande è quella di cercare di essere un buon padre, per un figlio adolescente con il quale ho grandi difficoltà di comunicazione - sostiene Zanardi sfoderando un ampio sorriso mentre è al check-in del volo Alitalia per Rio - Vorrei potergli 'regalare' esperienze che io ho già fatto, al netto di tutti i bernoccoli che si sono sulla mia testa, a causa di tutte le capocciate che ho dato in giro; vorrei semplificargli la vita e fare tutto quello che posso per fare, in modo che diventi una brava persona, perché è un valore che oggi si è un po' perso".

  • visualizzazioni
  • condividi
  • pubblicato08.09.2016
  • voto
    00
    ;;;;;