Vittozzi vince lo sprint di Oberhof

L'azzurra al primo successo in carriera, giornata no per Dorothea Wierer

1547137690098_GettyImages-1079993694.jpgLe donne del biathlon continuano a fare festa. E stavolta l'Italia trionfa con Lisa Vittozzi che si aggiudica lo sprint di Oberhof, centrando il suo primo successo in carriera (finora un secondo e tre terzi posti).

Nel giorno no - l'unico - per Dorothea Wierer è la 23enne atleta di Sappada a conquistare la scena, coronando una stagione cominciata al meglio ma ancora senza podi. L'azzurra va così in testa alla classifica delle sprint (166 punti contro 163 della Wierer) e consolida la terza posizione nella classifica generale salendo a 336 punti e guadagnando terreno sia sulla compagna di squadra (398) che su Paulina Fialkova (365), oggi entrambe imprecise al tiro con due errori. La slovacca è ventunesima, Wierer chiude 24/a, per la prima volta in stagione fuori dalle prime dieci. Vittozzi ha chiuso davanti alla francese Anais Chevalier e ala svedese Hanna Oeberg.

VITTOZZI: "Che potesse essere una giornata diversa dal solito me ne sono accorta sin dalla notte precedente dalla gara, in cui non ho dormito nemmeno un minuto. Eppure mi sono presentata al via senza alcuna tensione, sapevo che dovevo solamente pensare a me stessa".

La netta vittoria nella sprint femminile di Oberhof consente a Lisa Vittozzi di diventare la terza italiana nella storia ad un ottenere un successo sul massimo circuito mondiale. "Sono partita molto forte, sia sugli sci che al poligono, ho calato il ritmo solamente sul finire, ma avevo un margine sufficiente per per rimanere davanti alle altre", ha aggiunto l'azzurra al sito FISI.

"Sono partita da casa con l'intento di sfatare il tabù Oberhof che negli anni scorsi mi aveva regalato solo delusioni, e anche mia mamma Nadia mi ha detto che ce l'avrei fatta", ha dichiarato ancora Vittozzi. "Aveva ragione, adesso indosso in aggiunta la maglia di leader della classifica sprint, ma non la sento una responsabilità, conta soprattutto indossarla alla fine della stagione. Sono contenta per me e per la squadra - ha concluso - la pursuit sarà un po' diversa perchè parto per la prima volta senza alcuna avversaria davanti a me, spero sia la prima di una lunga serie e comunque ci divertiremo".

  • visualizzazioni
  • condividi
  • pubblicato10.01.2019
  • voto
    ;;;;;
guarda anche