Azzurrini, altro ko con la Germania

Parigini non basta, a Reggio Emilia finisce 1-2

1542657905798_GettyImages-1063551326.jpgAncora un'ottima Italia, ma anche stavolta lo spettacolo offerto dall'Under 21 di Gigi Di Biagio deve accontentarsi delle briciole.

Dopo la sconfitta immeritata contro la forte Inghilterra nel test match di venerdì scorso, gli azzurrini finiscono ancora ko contro i pari età tedeschi, primi nel ranking Uefa, imbattuti nel 2018 e che vengono da cinque vittorie consecutive. Nella fredda serata di Reggio Emilia e con qualche scroscio di pioggia, davanti a un pubblico di soli amatori (5.300 spettatori), l'Italia offre un'altra buona prestazione, fatta di giocate di spessore e calciatori già fatti (Cutrone e Zaniolo su tutti), ma alla fine resta ancora con l'amaro in bocca.  

Come per la nazionale maggiore, anche gli azzurrini, che registrano qualche assenza (Kean e Mancini con i 'grandi' e Calabria e Vido fuori per problemi fisici), mostrano una buona predisposizione nella costruzione e nel pressing ma quando c'è da buttarla dentro cominciano i problemi. Così, dopo essere andati meritatamente in vantaggio al 21' grazie a uno splendido contropiede sull'asse Zaniolo-Parigini, finalizzato al meglio dall'attaccante del Torino, al 37' Orsolini avrebbe la clamorosa palla del raddoppio, ma il giocatore del Bologna solo davanti al portiere la spreca, cercando il pallonetto e centrando invece l'estremo difensore tedesco.

E nel calcio chi sbaglia paga e così al 41' ecco il pareggio tedesco su rigore per un fallo di mano di Cutrone che in barriera stoppa la punizione di Waldschmidt che poi realizza il penalty. Uno a uno e tutti negli spogliatoi ma forse gli azzurrini pensano di starci ancora quando al 2' della ripresa si addormentano consentendo ancora al solito Waldschmidt di entrare in area e colpire con un sinistro a girare sul secondo palo. Il gol scuote gli azzurrini che subito cercano il pari con Zaniolo (50') che dal limite, a botta sicura, calcia di sinistro con la porta spalancata davanti ma un difensore tedesco riesce miracolosamente a deviare in angolo.

L'Italia finisce lì, perchè dopo la paura la giovane Germania prende in mano la partita e solo un super Audero al 67' evita il tris. I giovani di Di Biagio, che nel frattempo con i cambi passa al 4-2-4 (dentro La Gumina, Pessina, Bonifazi e Castrovilli), non mordono più e l'unica chance che hanno, una punizione dal limite conquistata e battuta da Cutrone (79'), è respinta alla grandissima dall'ottimo Nubel che regala la vittoria ai compagni.


Le pagelle di Luca De Capitani e Andrea Riscassi:

Audero 6,5
Pezzella 5,5
Bastoni 6
Calabresi 6
Mandragora 6
Parigini 7 (Castrovilli 5,5)
Orsolini 5 (Verde 5)
Romagna 6
Locatelli 5,5 (Pessina sv)
Zaniolo 6 (La Gumina 5)
Cutrone 5

Di Biagio 5

 

  • visualizzazioni
  • condividi
  • pubblicato19.11.2018
  • voto
    00
    ;;;;;