Ancora due podi per lo sci azzurro

Paris 3° nel SuperG di S.Caterina, Moelgg nel gigante di Semmering

1482848355560_Getty-600034331 3.jpgAltri due podi per l'Italia nella stessa giornata.

Questa volta grazie a Dominik Paris, che in 1.31.53 e' arrivato 3/o nel  superG di Santa Caterina Valfurva, e a Manuela Moelgg a sua volta 3/a in 2.02.90 nel gigante di Semmering, recupero di Courchevel. Per l'Italia siamo a quota 15 podi in questo scorcio di stagione.

Ora manca davvero solo la prima vittoria. E' stata una giornata con emozioni a ripetizione. A S. Caterina, sulla ghiacciatissima e difficile pista ''Deborah Compagnoni'' , con gara disturbata da qualche raffica di vento, Paris ha sciato alla grande. ''Anche se - come ha spiegato l'azzurro -  con qualche errore ma sono molto contento lo stesso. E domani punto su noi italiani nella discesa''. Per Paris, 27 anni e famoso per i suoi trionfi a Kitzbuehel,  e' il secondo podio stagionale: in carriera ne ha cosi' collezionati 17, comprese sei vittorie.

Il superG, recupero di Lake Louise, lo ha  vinto, come i due precedenti, il norvegese Kjetil Jansrud in 1.30.88. Secondo l'austriaco Hannes Reichelt in 1.31.48.

Deludente pero' il resto della squadra. Si e' salvato a sorpresa - pettorale 55 - il gigantista trentino Luca De Aliprandini finito 17/o  e seguito a quota 18 da Christof Innerhofer. Lontanissimo dai primi invece il quotato Peter Fill che ha avuto evidenti problemi di lamine che gli hanno compromesso la gara.

Non ha gareggiato il norvegese Aksel Svindal per problemi ad un ginocchio, in pista c'era invece l'asso austriaco Marcel Hirscher  finito prudentemente lontano dai primi su un tracciato per nulla facile: e' stato cosi' un allenamento in vista della combinata di domenica.

A Semmering, invece, la giornata sembrava partita male: fuori Federica Brignone e fuori, saltando l'ultima porta per troppa foga, pure Sofia Goggia e Nadia Fanchini. Tutte - un vero squadrone - stavano attaccando rabbiosamente ed avevano ottimi intermedi. Per fortuna si sono fatte avanti Marta Bassino, terza dopo la prima manche, e la veterana Manuela Moelgg addirittura seconda alle spalle della statunitense Mikaela Shiffrin. L'americana aveva disertato la trasferta di val d'Isere per riposarsi e concentrarsi su speciale e gigante, le discipline in cui e' più forte.

Nella manche decisiva Bassino ha ceduto un po' finendo pero' ottima 5ª in 2.03.37. La piemontese, a soli 20 anni, dopo il 3° posto di Soelden e' sempre tra le migliori. Ha invece tenuto botta l'altoatesina Moelgg: 33 anni ed ultimo podio sei anni fa in speciale.  Per lei - un esempio di costanza e carattere, esemplare sempre per tutte le compagne - con questo terzo posto ha staccato  il biglietto per i prossimo Mondiali di St. Moritz. Ha vinto - successo n.24 - Shiffrin in 2.01.81 davanti alla francese Tessa Worley in 2.02.59. Shiffrin e' tornata sola in testa alla classifica  con 598 punti davanti alla svizzera Lara Gut con 543 ed oggi 4/a dopo aver rimontato 13 posizioni. Dopo 14 mesi dall'infortunio ad un ginocchio, per la prima volta e' tornata in pista la supercampionessa austriaca Anna Veith: niente da fare , lontanissima dalle prime. 
''Non e' andata come immaginavo'', ha confessato Anna.

Domani a Santa Caterina tocca alla discesa. Innerhofer e compagni puntano senza incertezze al successo. Stessa cosa vogliono le azzurre  guidate da Sofia Goggia nel gigante 2 in programma a Semmering.

  • visualizzazioni
  • condividi
  • pubblicato27.12.2016
  • voto [an error occurred while processing this directive]
    ;;;;;