Motori

Al-Attiyah trionfo annunciato, fra le moto vince Sunderland

L'italiano Petrucci alla prima esperienza Dakar chiude a 20'42" dal vincitore
Credits © Getty Nasser Al-Attiyah
Nasser Al-Attiyah
Per la quarta volta in carriera, Nasser al-Attiyah vince la Dakar auto. La vittoria fra le moto va a Sam Sunderland.

Nessun colpo di scena nell'ultima tappa, 164 chilometri di speciale con arrivo a Jeddah, col 51enne qatariota - bronzo nello skeet ai Giochi di Londra 2012 - che amministra l'ampio vantaggio e regala alla Toyota il secondo successo di fila nel leggendario rally.

Assoluto dominatore di questa edizione, Al-Attiyah rifila in classifica generale oltre 27 minuti a Sebastian Loeb (BRX Hunter), che chiude al secondo posto, centrando dunque la sua quarta vittoria in 18 partecipazioni ed eguagliando Ari Vatanen. Il recordman di successi resta " Monsieur Dakar" Stephane Peterhansel a quota otto, sei con le auto e due con le moto.

Sam Sunderland 32enne pilota britannico della Gas Gas, che già nel 2017 aveva iscritto il suo nome nell'albo d'oro in sella a una Ktm, difende con successo il primato nella classifica generale anche al termine dell'ultima tappa, 164 chilometri di speciale con arrivo a Jeddah, vinta da Pablo Quintanilla (Honda).

Sunderland, che dopo sei anni in Ktm ha accettato la sfida della Gas Gas e sul podio della Dakar anche nel 2019 e nel 2021 (terzo in entrambe le occasioni), ha chiuso davanti lo stesso Quintanilla (+3'27") e Matthias Walkner (Ktm, +6'47"), vincitore quattro anni fa. Ai piedi del podio, quarto a 18'41", Adrien Van Beveren (Yamaha), che a lungo ha conteso a Sunderland la testa della classifica.

"Non potrei essere più felice, sapere di aver vinto la mia seconda Dakar mi commuove, è un sogno che si avvera", le parole al traguardo del britannico. Per Danilo Petrucci, alla sua prima Dakar, posizione numero 80 finale, a 20'42" dal vincitore.

					

Potrebbero interessarti anche...


					

Altri articoli da Motori