Atletica

Tamberi e Vanessa Ferrari rientrati in Italia

I medagliati sono arrivati a Fiumicino, grandi festeggiamenti in aeroporto
Credits © getty Gianmarco Tamberi
Gianmarco Tamberi
La medaglia d'oro olimpica nel Salto in alto, Gianmarco Tamberi, e la medaglia d'argento nel Corpo libero, Vanessa Ferrari, sono rientrati in Italia da Tokyo. Il volo "olimpico" di Alitalia è arrivato all'aeroporto di Fiumicino alle 20.

Per l'atleta marchigiano e per la "Farfalla di Orzinuovi" subito grandi festeggiamenti in aeroporto da parte dei rispettivi gruppi sportivi di appartenenza, le Fiamme Oro ed il Centro Sportivo dell'Esercito.

Per Tamberi, appena sbarcato dall'aereo, l'abbraccio caloroso con Sergio Baldo , direttore tecnico gruppo sportivo Fiamme Oro settore atletica e con l'amico e collega di salto in alto Silvano Chesani. Ad accoglierlo al terminal 3 in zona arrivi, il fratello Gianluca ed amici, ex in rappresentanza delle Fiamme Oro, tra gli altri, anche la saltatrice in alto Erika Furlani e la velocista Giulia Riva.

TAMBERI: "Che emozione sbarcare in Italia con l'oro. Ho la squadra più bella del mondo, il mio è uno sport individuale, ma fatto da squadra e non potevamo perdere. Quando è finita la gara ero convinto che sarei stato veramente felice, ma non pensavo così tanto, è stato un privilegio immenso provare una gioia simile, auguro a chiunque di provare queste emozioni nella vita. Sono veramente fortunato, mi sento di aver scritto una delle parti più belle della storia dello sport, esserne il protagonista mi riempie il cuore di gioia, mi sento davvero fortunato ad aver vissuto una storia del genere".

Appena uscita dall'aereo, Vanessa, che proseguirà subito per Milano in transito, è stata subito festeggiata, in rappresentanza del Centro sportivo olimpico dell'Esercito, dal colonnello Remo Del Favero e dal tenente colonnello Giuseppe Missale con un omaggio floreale.

VANESSA FERRARI: "Sono molto felice del risultato ottenuto, non mi sono ancora fermata dopo la gara, ma sono molto contenta. L'argento portato a casa mi riempie di gioia perché ripaga tutti i sacrifici che ho fatto fin da bambina, soprattutto negli ultimi anni dopo la rottura del tendine, è stato molto complicato tornare".

"Parigi? Finora ho solo pensato a chiudere questo percorso che mi ha portato alle Olimpiadi nel migliore dei modi e cosi' e' stato, ora non so cosa faro', sicuramente mi prenderò un po' di tempo per me, per capire cosa fare e cosa mi renderà felice, voglio ringraziare tutte le persone che mi supportano, l'Esercito e la Federginnastica".

L'azzurra parla anche dei problemi di Simone Biles. "Penso che abbia avuto un periodo difficile, aveva difficoltà nei salti con avvitamento e saltare in queste condizioni era molto rischioso, ha fatto bene a ritirarsi perché c'era il rischio che si potesse far male".

					

Potrebbero interessarti anche...


					

Altri articoli da Atletica