Nuoto

Tokyo 2020

Nuoto: il tunisino Mellouli rinuncia ai Giochi

L'olimpionico in lite con la Federazione per un problema di fondi
Credits © Ansa Oussama Mellouli
Oussama Mellouli
Il due volte campione olimpico di nuoto Oussama Mellouli ha dichiarato di aver rinunciato a gareggiare alle Olimpiadi di Tokyo a causa di un contenzioso con la Federazione tunisina che lo ha portato a comparire davanti al giudice pochi giorni prima dei Giochi.

Mellouli, 37 anni, qualificato a fine giugno per la sua sesta Olimpiade, è uno dei nuotatori più premiati del continente, campione del mondo nei 1.500 metri stile libero nel 2008 e nel 2009, detentore di 3 delle 13 medaglie olimpiche tunisine.

La federazione lo ha citato in giudizio per l'utilizzo delle somme stanziate nell'ambito di un contratto in corso dal 1999. Secondo il nuotatore, questa causa ha consentito alla federazione di non pagargli 600.000 dinari previsti per la sua preparazione nelle stagioni 2016-'17 e 2017-'18.

Dal 2018 Mellouli è ricorso ai suoi fondi personali per la preparazione. "La goccia che ha fatto traboccare il vaso è stata sapere che sarei andato alle Olimpiadi da solo, il mio fisioterapista non era accreditato", ha detto. "Sono un atleta di alto livello, che lotta fino alla fine, con costanza e pazienza, ma eccomi qui a gettare la spugna" ha aggiunto.

Il comitato olimpico tunisino, sperando che il nuotatore riconsiderasse la sua decisione, ha assicurato che due membri del suo staff erano stati accreditati e che "è stato fatto di tutto" per permettergli di gareggiare con tranquillità, nonostante una qualificazione tardiva. Pur assicurando di essere pronto a partire come previsto sabato se fosse stata trovata una "soluzione immediata" alla controversia, Mellouli si è detto pessimista sulla possibilità di andare in Giappone. Avrebbe dovuto partecipare alla 10 km stile libero, il 5 agosto. 

					

Potrebbero interessarti anche...


					

Altri articoli da Nuoto