Grandi Eventi

Beach volley a 44 gradi, il Cio: "Non ci saranno problemi"

Il caldo rischia di condizionare le gare dell'Olimpiade, lamentele anche dallo skateboard
Credits © Getty Shiokaze Park - Tokyo
Shiokaze Park - Tokyo
Il caldo rischia di condizionare le gare dell'Olimpiade. Che il problema esista ne sono testimoni gli atleti che si stanno allenando nella capitale giapponese.

Oggi se ne sono lamentati quelli dello Skateboard perché, come ha spiegato la brasiliana Leticia Bufoni, "ci aspettavamo il caldo, ma con una temperatura del genere (37 gradi ndr) è difficile andare sullo skate. Le condizioni sono comunque uguali per tutti, ma bisognerà idratarsi al massimo".

La statunitense Mariah Duran, invece, a un certo punto si è fermata per mettersi del ghiaccio sotto la maglietta e poi ha ripreso le evoluzioni sulla tavola.   

Grossi problemi anche per il beach volley, perché poco prima delle 12 la temperatura sulla sabbia bollente dello Shiokaze Park era di 44 gradi e c'è stato chi ha interrotto gli allenamenti.

Nel softball, Giappone e Australia si sono affrontate col termometro a quota 35 gradi.

Così i giornali giapponesi lanciano l'allarme scrivendo che questa, dal punto di vista del meteo, rischia di essere l'Olimpiade più calda di sempre. 

Il Cio è intervenuto tramite il portavoce Christophe Dubi per dire che "tutti soffriamo per il calore, ma un grande lavoro è stato fatto dal comitato organizzatore e dalle federazioni competenti per garantire condizioni adeguate per le competizioni, con un encomiabile sforzo anche logistico. Per questo credo che alla fine non ci saranno problemi".

					

Potrebbero interessarti anche...


					

Altri articoli da Grandi Eventi