Calcio

Premier League

Manchester Utd-Liverpool rinviata

Invasione di campo dei tifosi di casa contro la proprietà americana dei Glazer
Situazione calda a Manchester, sponda United, con i tifosi che protestano aspramente contro l'attuale proprieta' dei Glazer.

Un amore mai nato che si e' complicato nelle ultime settimane, soprattutto dopo le notizie della SuperLega, campionato tra le piu' forti squadre europee che si sarebbe dovuto disputare a partire dalla prossima stagione ma accantonato da (quasi) tutte le societa'.

L'apice del rapporto complicato si e' pero' toccato oggi con i tifosi dei Red Devils che hanno occupato Old Trafford non consentendo al Manchester United e al Liverpool di raggiungere l'impianto. La sfida, valida per la 34esima giornata e che avrebbe potuto regalare al City la certezza aritmetica del titolo in caso di sconfitta dei cugini, e' stata rinviata a data da destinarsi.

"I nostri fan sono appassionati del Manchester United e riconosciamo completamente il diritto alla liberta' di espressione e alla protesta pacifica - si legge in una nota della formazione che affrontera' la Roma nel ritorno della semifinale di Europa League -. Tuttavia, ci rammarichiamo per lo stop alla squadra e le azioni che hanno messo in pericolo altri tifosi, il personale e la polizia".

"Ringraziamo le forze dell'ordine per il loro supporto e le assisteremo in eventuali indagini successive", conclude il comunicato diffuso in concomitanza con quello dei Reds.

"La societa' era pienamente d'accordo con la decisione di posticipare il match di oggi dopo gli eventi che si sono verificati all'Old Trafford e nelle aree adiacenti - scrive il Liverpool - In una decisione del genere, cio' che conta di piu' per il nostro club e' la sicurezza pubblica, in modo da favorire un ambiente sicuro per i partecipanti, gli staff e gli ufficiali di gara. Chiaramente non era possibile fare cio' quest'oggi, a causa di una situazione che e' degenerata velocemente. Il nostro dialogo con il Manchester United, la Premier League e le autorita' locali continuera' per trovare una data adatta a recuperare il match. Appena avremo tale informazione, aggiorneremo i nostri tifosi".

Gia' lo scorso 22 aprile i tifosi dello United si erano presentati al centro sportivo di Carrington per contestare la proprieta' dopo il pasticcio Superlega, esponendo striscioni con su scritto "Glazers Out", "51% MUFC", "Noi decidiamo quando giocate".

Era toccato al tecnico Ole Gunnar Solskjaer, al dt Darren Fletcher e al centrocampista Nemanja Matic, oltre all'ex Michael Carrick, oggi nello staff tecnico, intervenire per calmare gli animi e convincere i tifosi ad andare via.

					

Potrebbero interessarti anche...


					

Altri articoli da Calcio