Calcio

Calcio

Christillin: "Gli stipendi dei giocatori? Problema grandissimo"

Il membro Uefa: "La Superlega? Andrea Agnelli non l'ho più sentito"
Credits © Getty Evelina Christillin
Evelina Christillin
"Oggi partecipo al consiglio come membro internazionale senza diritto di voto, quello degli stipendi dei calciatori argomento su cui si sta discutendo da tanto tempo e non solo per il Covid, gli stipendi dei giocatori sono un problema grandissimo, tutti tranne i tedeschi sono messi male".

Così ai microfoni di Radio Anch'io sport Evelina Christillin, manager, membro femminile del consiglio Uefa e componente dell'esecutivo Fifa.

"Sicuramente bisogna diminuire i costi - aggiunge la Christillin - l'associazione calciatori essendo un sindacato fa il suo lavoro, ma se non si trova soluzione rischia di saltare il calcio".

Poi la Christillin affronta il problema della Superlega che vede Real Madrid, Juve e Barcellona ferme nelle rispettive intenzioni: "Andrea Agnelli non l'ho più sentito, tranne un messaggino di congratulazioni per la mia relazione alla Fifa, resto del mio parere non cambio idea io sono espressione della Uefa e sono convinto di quello che è stato ribadito da tanti. C'e' un ordinamento sportivo, se uno sta fuori dall'ordinamento di fatto non può partecipare alle competizioni. Si parla tanto di Champions e Europa League, da juventina tengo le dita incrociate per quello che accadrà nei tribunali". 

"Aumentare lo spettacolo non vuol dire, se interpreto bene Infantino, aumentare il numero delle partite: ce ne  sono tante, forse troppe. Forse si intende qualche regola meno  impattante sul modello di gioco ma queste sono decisioni che prende  l'Ifab. Le regole di adesso sono in certi casi lente, con le regole di ora sui rigori qualcosa è cambiato e non so se in meglio".

"Allegri l'ho sempre trovato fantastico sarebbe il benvenuto e pure mi piacerebbe rivedere Zidane, ma mi pare non abbia questa intenzione, poi costa molto, ma mai dire mai. E' arrivato Ronaldo, può arrivare anche Zidane".

"Pirlo non aveva mai allenato prima, poi quella notte con la Juve che col Lione uscì dalla Champions Andrea Agnelli prese una decisione che ha rivelato l'inesperienza di Pirlo di cui non può avere  colpe. Si sapeva".

La corsa Champions? "Sulla carta Milan e Napoli hanno qualcosa in più rispetto alla Juve, staremo a vedere".

					

Potrebbero interessarti anche...


					

Altri articoli da Calcio