Calcio

Maradona

Il legale di Maradona accusa i soccorsi

Confermate le cause del decesso, ma è polemica sul ritardo dell'ambulanza
Credits ©
Insufficienza cardiaca provocata da un edema polmonare acuto. Questa la causa della morte di Diego Armando Maradona emersa dall'autopsia effettuata presso l'ospedale San Fernando di Buenos Aires.

Ma sulle circostanze della sua scomparsa scoppiano le polemiche.

L'atto d'accusa piu' grave arriva dal suo legale, Matias Morla, che in una nota parla di "idiozia criminale", tirando in ballo i ritardi nei soccorsi.

"L'ambulanza ha tardato piu' di mezz'ora ad arrivare, non puo' passare sotto silenzio e chiedo che si indaghi su questo - scrive - Come mi diceva Diego 'Sei il mio soldato, agisci senza pieta''".

Morla denuncia anche che per 12 ore Maradona non avrebbe avuto le attenzioni e i controlli del personale sanitario che era destinato a questo.

Secondo le ricostruzioni della stampa argentina, infatti, l'ultima persona ad aver visto vivo Maradona e' stato il nipote Jonatan Esposito, il martedi' attorno alle 23.

Ieri invece, verso le 11.30, lo psicologo e la psichiatra dell'ex Pibe de Oro si sarebbero recati nella sua abitazione e, non avendo alcuna risposta, avrebbero chiamato il nipote e un assistente ma ormai non rimaneva che constatarne il decesso.

"Oggi e' un giorno di profondo dolore, tristezza e riflessione. Sento nel mio cuore la perdita di un amico che ho onorato con la mia lealta' e accompagnato fino all'ultimo giorno", ha scritto ancora Morla.

Anche Alfredo Cahe, per una trentina d'anni medico di Maradona, solleva piu' di un dubbio. "E' difficile capire cosa sia successo ma secondo me non si sono presi cura di lui come avrebbero dovuto. Ci sarebbe dovuto essere un medico sempre presente nella sua abitazione e per quanto ho capito il controllo cardiovascolare non e' stato fatto in modo completo - l'opinione di Cahe - Inoltre non mi e' sembrato logico che lo dimettessero dopo l'operazione: doveva rimanere in clinica o comunque in un posto attrezzato come quando lo portammo a Cuba".

E mentre Morla annuncia le vie legali anche contro chi ha diffuso una foto del Diez nella bara, nelle prossime ore avverra' la sepoltura al cimitero los Jardines di Bella Vista, periferia di Buenos Aires. Maradona riposera' cosi' vicino ai genitori deceduti negli anni scorsi.

					

Potrebbero interessarti anche...


					

Altri articoli da Calcio