Ciclismo

Vuelta

Da Roglic a Carapaz, da Pinot a Froome: sarà una Vuelta grandi firme

Annunciata la lista dei partenti per la 75ª edizione
Credits © Italpress Primoz Roglic
Primoz Roglic
La maglia numero uno finirà sulle spalle di Primoz Roglic ma sarà un'edizione della Vuelta di Spagna dai grandi nomi: da Tom Dumoulin a Enric Mas, passando per Thibaut Pinot, Richard Carapaz e Chris Froome.

A pochi giorni dal via da Irun, l'ultimo Grande Giro della stagione annuncia la lista provvisoria degli iscritti all'edizione numero 75. Presente al via il campione uscente, Roglic, reduce dalla beffa al Tour de France dove ha perso la maglia gialla ad appena 24 ore dall'arrivo a Parigi.

Sarà lui il leader di una Jumbo-Visma che sarà ai nastri di partenza con una formazione di livello assoluto visto che con lo sloveno ci sarà anche un Dumoulin voglioso di conquistarsi sulla strada i gradi di capitano, oltre a Robert Gesink, George Bennett e Sepp Kuss.

Già protagonisti sulle salite del Tour, ci riproveranno Nans Peters (AG2R-La Mondiale), Alexey Lutsenko (Astana) e Dani Martinez (EF Pro Cycling) ma per la classifica generale non si possono trascurare nomi come Mas, Damiano Caruso, Guillaume Martin, Alejandro Valverde e, in casa Ineos, Richard Carapaz e Chris Froome.

Per il corridore anglo-keniano sarà l'ultima apparizione in forza all'ex Team Sky visto che dal prossimo anno difenderà i colori della Israel Start-Up Nation e non si rassegnerà a un ruolo di gregario di lusso in una corsa già vinta nel 2011 e nel 2017.

In Spagna avranno la chance di riscattare un Tour andato diversamente rispetto alle aspettative anche corridori come Pinot e il connazionale David Gaudu (Groupama-FDJ), Esteban Chaves (Mitchelton-Scott) e David de La Cruz (UAE Emirates), alla Vuelta da leader dopo essere stato un prezioso aiuto per Pogacar alla Grand Boucle.

Ha dimostrato di essere in buona condizione Michael Woods (EF Pro Cycling), ottavo all'ultima Tirreno-Adriatico, sul podio nella Freccia Vallone e settimo alla Liegi. Fra i finisseurs attesi anche Dylan Teuns (Bahrain-McLaren), Tim Wellens (Lotto-Soudal) e i giovani Andrea Bagioli e Mauri Vansevenant (Deceuninck-Quick Step).

Per quanto riguarda la classifica a punti, il grande favorito è Sam Bennett, che al Tour ha strappato la maglia verde a Peter Sagan interrompendone il dominio (lo slovacco se l'era portata a casa in sette delle precedenti otto edizioni), ma dovrà guardarsi dalla concorrenza di Pascal Ackermann (Bora-Hansgrohe), re delle volate al Giro 2019. Occhio però alle nuove leve Jasper Philipsen (UAE Emirates), Matteo Moschetti (Trek-Segafredo) e Magnus Cort (Astana).

					

Potrebbero interessarti anche...


					

Altri articoli da Ciclismo