Calcio

Gomez: "Da bambino sognavo un momento come questo"

L'attaccante argentino: "Per fare questo tipo di calcio hai sempre bisogno di un grande gruppo, altrimenti non vai da nessuna parte"
Credits © getty
"Ho sempre cercato di giocare al massimo livello possibile. Mi sono preparato tutta la mia carriera per arrivare ad essere un calciatore importante. Sicuramente ho sognato da bambino un momento così. Qualcuno magari ha la fortuna di avere un'opportunità simile più presto durante la carriera, io l'ho avuta più tardi, ma non mi lamento. Negli anni sono maturato tanto come calciatore e come persona, e anche se ho meno possibilità da sprecare, sono contento per come sia andato tutto". Cosi' il capitano dell'Atalanta Alejandro Gomez parla del momento felice della squadra nerazzurra, che sta volando in campionato ed è nei quarti di Champions.

"Vincere sarebbe bellissimo, Io l'ho fatto in Argentina con una piccola squadra come l'Arsenal de Sarandí, vincendo la Copa Sudamericana, e ho vinto il Mondiale U20 con la nazionale. So quanto sia bello vincere trofei, ma non è tutto. Credo sia più bello riuscire a lasciare il segno in una squadra, per sempre, piuttosto che essere uno dei tanti in una squadra abituata a vincere. Uno che nessuno ricorderà. I trofei servono per il curriculum, ma sono altre le cose importanti".

Gomez si è poi soffermato sui segreti dell'Atalanta: "Dietro tutto il divertimento e i risultati c'è grande sacrificio - ha spiegato l'argentino - Questo gruppo da anni sta facendo grandi cose, non ha mai avuto un problema dentro o fuori dal campo. Per fare questo tipo di calcio e di risultati hai sempre bisogno di un grande gruppo, altrimenti non vai da nessuna parte. Per noi è fondamentale avere ragazzi a posto, che non pensano di essere arrivati: vogliamo gente utile, disposta a lottare l'uno per l'altro".

					

Potrebbero interessarti anche...


					

Altri articoli da Calcio