Ventoso, a lui la tappa

Wennings rimane in rosa. Petacchi cede agli ultimi metri
12-05-2011

Ventoso, a lui la tappa

Wennings rimane in rosa. Petacchi cede agli ultimi metri

Francisco Ventoso ha vinto la sesta tappa del Giro d'Italia, 216 km da Orvieto a Fiuggi. Il corridore spagnolo della Movistar si e' imposto in volata davanti ad Alessandro Petacchi (Lampre) e a Roberto Ferrari (Androni Giocattoli). L'olandese Pieter Weening (Rabobank) ha conservato la maglia rosa di leader della classifica generale.


Tappa senza grandi difficoltà altimetriche, classica tappa da fuga con trabocchetti in agguato. Orvieto-Fiuggi non è un arrivo per velocisti puri e quasi fino alla fine ha raccontato poco. Si vede Modolo alle prime battute, è lui a transitare per primo al GpM di Soriano del Cimino. Insieme a lui in fuga ci sono Popovich, Veikkanen, Vandewalle e Veuchelen. Il distacco è in media di 4'40" fino a punte di 5' a 140 km dal traguardo. La Rabobank è in agguato mentre sul traguardo di Fiuggi si alzano cori per il beniamino di casa Stefano Pirazzi. Si spera anche in un'impresa di Valerio Agnoli.


Modolo inizia a perdere terreno e viene risucchiato dal gruppo a 25 km dal traguardo. Restano in quattro. Sullo strappo di Anagni si intravede un possibile tentativo di Petacchi, ma rimane coperto. La testa della corsa è a 2'28" con Popovich molto attivo. Veikkanen rimane indietro. Rimangono in tre mentre il gruppo continua a rosicchiare secondi (1'48"). Dal gruppo esce Pirazzi. A 13 km dall'arrivo, i tre fuggitivi hanno 1'05" su Pirazzi e 1'16 sul gruppo. Pirazzi sull'ultima salita viene riassorbito.

Ai -9 attacca Vandewalle. Non c'è andatura regolare in testa al gruppo. Dal gruppo prova l'attacco Emanuele Sella. A 4 km dall'arrivo, Vandewalle ha 21" di vantaggio. La Lampre è tutta in testa al gruppo per Petacchi. Alejet non ce la fa. Non ha la gamba giusta e cede sul finale.

pietro plastina

Rai.it

Siti Rai online: 847