La rivoluzione dei catamarani

Ormai è deciso. Dalla prossima edizione via libera ai multi scafi in America's Cup
[an error occurred while processing this directive]
Vela
14-09-2010

La rivoluzione dei catamarani

Ormai è deciso. Dalla prossima edizione via libera ai multi scafi in America's Cup

Contenuti correlati:

Come saranno i catamarani di Coppa America? Lunghi circa 22 metri, larghi 14, con un albero di 40 metri, 7 tonnellate di peso, superficie velica di circa 300 metri quadrati, manovre comandate da sistemi idraulici che mandano in pensione i grinder e lasciano a bordo 11 uomini di equipaggio invece dei 17 dei monoscafi (guarda l'animazione e il disegno). Saranno un po' meno grandi dei due giganti visti in regata a Valencia per la 33esima edizione (30 metri di lunghezza e quasi altrettanto in larghezza), ma sempre in grado di sollevare uno scafo già con 5 nodi di vento e sviluppare una velocità superiore a quella del vento reale anche ben sotto i 10 nodi.

La decisione, storica, è stata presa
. Dalla prossima edizione dell'America's Cup si disputera' nel 2013 e si gareggera' con i catamarani. Lo hanno annunciato da Valencia lo skipper neozelandese del defender Bmw Oracle, Russell Coutts, e quello del Challenger of Record Mascalzone Latino, Vincenzo Onorato. Si tratta di una vera rivoluzione per la gara giunta alla 34ma edizione e che abbandona il monoscafo per affidarsi all'AC 72, un catamarano ad ala rigida portato da un equipaggio di 11 persone contro i 17 della sfida tradizionale del 2007 vinta da Alinghi.

"Questo nuovo formato e la nuova barca riporteranno l'America's Cup al vertice del nostro sport", ha assicurato Coutts che rappresenta il Golden Gate Yacht Club americano, si rivolge "alla generazione di Facebook e non a quella dei Flintstones". I catamarani AC72 saranno "molto speciali, molto potenti e molto impegnativi", ha spiegato Coutts che prevede che questa formula dara' "pari opportunita' alle squadre e garantita' una stabilita' finanziaria di lungo periodo".

Entro fine anno Oracle dovrebbe annunciare anche dove si terranno la 43ma edizione dell'America's Cup e le 12 tappe di avvicinamento. San Francisco e' in pole position, ma non si esclude che si poss virare sull'Italia o Valencia o una localita' del Medio Oriente. A Valencia Marcus Joung e Claudio Gorelli, i Commodori del Golden Gate Yacht Club di San Francisco e del Club Nautico di Roma, hanno firmato il Protocollo, l'insieme di regole che disciplineranno la prossima edizione. E' stata anche lanciata la Youth America's Cup, la Coppa America dei giovani riservata a velisti under 25, a partire dal 2012.

Rai.it

Siti Rai online: 847