Euro 2012

Rai Sport

Tuffi: Chen oro dai 10 m

Solo ottava l'azzurra Batki, argento all'australiana Boben e bronzo alla malese Pamg

Notizie e Video

Notizie:

Noemi Batki non e' andata oltre l'ottavo posto nella finale dei tuffi dalla piattaforma 10 metri. L'azzurra ha totalizzato 350.05 punti nella gara vinta dalla cinese Ruolin Chen con 422.30. Secondo gradino del podio per l'australiana Brittany Boben con 366.50. Storica medaglia di bronzo per la malese Pandelela Rinong Pamg con 359.20.


Finisce con un onorevole ottavo posto l'avventura di Noemi Batki alle Olimpiadi di Londra 2012. La tuffatrice italo-ungherese, giunta in finale nella piattaforma da 10 metri a otto anni di distanza da Tania Cagnotto, ha saputo tenere testa alle avversarie almeno fino al quinto e ultimo tentativo, accarezzando per un attimo il sogno di un bronzo dopo le prime tre serie (76.50, 65.25, 72.00, 68.80, 67.50 i suoi punteggi).


Come da pronostico, la vittoria e' andata alla favoritissima Ruolin Chen, tuffatrice cinese che, dopo aver letteralmente dominato la gara, si e' tolta la soddisfazione di aggiungere un nuovo oro a quello gia' conquistato pochi giorni fa nella piattaforma 10 metri sincronizzata, bissando i suoi successi a cinque cerchi collezionati alla scorsa Olimpiade, quando aveva ancora solo 15 anni.


Argento ad un'altra giovanissima atleta, la 16enne australiana Brittany Broben, autrice a sorpresa di una grande prova seppure estremamente distante dal punteggio della vincitrice. Medaglia di bronzo alla malese Pandelela Pamg, a sua volta 19enne. Purtroppo fatale alla Batki il punteggio ottenuto nell'ultimo tuffo, che non e' propriamente il suo piatto forte. 


"Ho cercato di dare il meglio di me nelle prime serie - ha raccontato l'atleta azzurra al termine della gara - sapevo infatti che all'ultimo tuffo non avrei ottenuto un buon punteggio. Ho la soddisfazione di essere rimasta in gara sino alla fine. Penso di aver rischiato l'infarto tanta era l'emozione. 


"Adesso voglio staccare la spina e riflettere un po' - aggiunge - Per fare tuffi a certi livelli ci vuole tanta preparazione. Intanto mi godo un piccolo primato: anche la Cagnotto arrivo' ottava ad Atene. Cio' significa che ho eguagliato il miglior risultato italiano di sempre nella piattaforma 10 metri femminile. E questo e' certamenente motivo di orgoglio".


Da segnalare come Batki, ungherese di nascita ma triestina di adozione ormai da 7 anni, abbia ereditato la passione per i tuffi da sua madre Ibolya Nagy, che e' pure la sua allenatrice: "La mamma e' stata contentissima della mia prova - ha confidato - mi ha fatto tanti complimenti ed e' stata fiera di come ci abbia creduto sino alla fine". 
giovedì, 9 agosto 2012, ore 21.17