Slalom Levi, vince Hoefl-Riesch

La tedesca precede Poutiainen e Shiffrin, Costazza sedicesima
[an error occurred while processing this directive]

Sci Alpino

Slalom Levi, vince Hoefl-Riesch

La tedesca precede Poutiainen e Shiffrin, Costazza sedicesima

LEVI (FINLANDIA), 10 NOV - Per le azzurre lo slalom speciale e' ancora la disciplina piu' ostica. A Levi - in Lapponia - solo due italiane sono finite in classifica con la trentina Chiara Costazza 16a e la lombarda Irene Curtoni 19a. Le cose andranno sicuramente meglio domani con lo slalom speciale uomini in cui l'Italia schiera uno squadrone con Cristian Deville, Stefano Gross, Manfred Moelgg e Giuliano Razzoli. 


Lo slalom finlandese - 250 km oltre il circolo polare artico, in Lapponia, con una pista non difficile ma dal fondo perfetto, duro e compatto - e' stato vinto dalla tedesca Maria Hoefl Riesch, 28 anni e 24o successo in carriera. Ha messo in riga la campionessa locale Tanja Poutiainen ed il giovane talento usa Mikaela Shiffrin, 17 anni soltanto, di cui si sentira' parlare in futuro. Riesch ha approfittato della assenza della sua eterna amica-rivale Lindsey Vonn che ha disertato la gara preferendo anticipare la trasferta in Nord America per le prossime gare. Ed ha approfittato della repentina inforcata dell'austriaca Marlies Schild, asso dello slalom che proprio oggi voleva vincere per eguagliare in questa disciplina il primato di 34 vittorie che continua cosi' ad appartenere alla svizzera Vreni Schneider.   


Per quanto riguarda le azzurre, non e' una novita' che lo speciale resta per loro quasi un tabu'. La piu' talentuosa - l'altoatesina Manuela Moelgg - dopo aver disertato Soelden per il mal di schiena, oggi ha voluto egualmente gareggiare nonostante il dolore ma non si e' classificata per la seconda manche. Un qualche segnale positivo lo ha comunque dato Chiara Costazza, una vittoria in carriera, che esce da due stagioni difficili che ha fatto di tutto per stare a ridosso delle migliori. Lei ed Irene Curtoni possono solo migliorare ma lo slalom speciale donne resta la disciplina in cui l'Italia - dopo le antiche glorie della "valanga rosa" - deve lavorare di piu'.   


Domani, sulla stessa pista black su cui hanno gareggiato le donne, tocca agli uomini. Per l'Italia i talenti e la forma non mancano. Il piu' carico di entusiasmo ed energia e' Manfred Moelgg, reduce dall'eccellente secondo posto  nel gigante di Soelden. Ma negli allenamenti Gross e Deville hanno sempre fatto scintille. Domani si vedra'.
sabato, 10 novembre 2012, ore 14.08

RaiSport 1

Espandi

Tutti i risultati

Rubriche e speciali

Rai.it

Siti Rai online: 847