Pari tra Lazio e Dinamo Kiev

Finisce 2-2 all'Olimpico, palo clamoroso di Immobile al 95'

La Dinamo Kiev sorprende la Lazio. Nella gara d'andata degli ottavi di Europa League i biancocelesti non vanno oltre il 2-2 casalingo contro la squadra di Khatskevich, un risultato che rende molto difficile la trasferta della prossima settimana in Ucraina.

La qualificazione resta aperta: all'Olimpico la Lazio ha dimostrato di essere tecnicamente superiore alla Dinamo, ma certo al ritorno ci vorra' maggiore attenzione, come ha gia' intuito stasera Simone Inzaghi optando per un turnover molto limitato e non rinunciando alla difesa titolare. In campo quindi i due Stefan, de Vrij e Radu, insieme a Fortuna Wallace.

Per il resto nessun colpo di scena nella formazione biancoceleste, con Felipe Anderson preferito a Luis Alberto in attacco. E proprio il brasiliano e' la nota positiva della Lazio europea. Dai suoi piedi infatti nascono tutte le occasioni biancocelesti, soprattutto dalla destra dove Basta spinge con continuita'. Al 14' Anderson e' bravo ma sfortunato, perche' il suo destro da posizione difficile sfiora il palo.

La squadra di Inzaghi e' poco fortunata anche al 24', quando Murgia ribatte involontariamente il destro a colpo sicuro di Basta, ma meriterebbe il vantaggio al 30' quando Burda respinge in acrobazia un cross di Lukaku destinato a Immobile, solo davanti alla porta. Partita a senso unico, dunque, anche perche' la Dinamo Kiev imposta un match difensivo.

Nel primo tempo gli ucraini si affacciano in avanti in pochissime occasioni, senza mai impensierire l'inoperoso Strakosha. La ripresa, pero', comincia in modo completamente diverso.

Al primo vero affondo, al termine di una bella manovra, la Dinamo trova un inatteso vantaggio: la difesa della Lazio si addormenta, Lukaku si fa sovrastare, Wallace non chiude Tsyganov che ha il tempo per controllare e poi battere Strakosha di tacco.

Siamo al 52', un episodio che sveglia i padroni di casa. Due minuti dopo, infatti, arriva l'immediato pareggio: Anderson lancia Immobile in profondita', l'attaccante napoletano batte Boyko con un preciso diagonale. E al 62' la Lazio si porta avanti: stavolta e' Milinkovic-Savic a recuperare un pallone a centrocampo e lanciare Anderson, preciso nel diagonale col sinistro. Pochi minuti dopo il brasiliano va addirittura vicino al terzo gol biancoceleste, ma poi la squadra di Inzaghi si addormenta.

La Dinamo sfiora il pareggio con Pivaric, il cui inserimento e' fermato in uscita da Strakosha. Al 79', pero', il portiere albanese non e' reattivo sullo splendido tiro dalla lunga distanza del nuovo entrato Junior Moraes: 2-2 e Olimpico gelato. La nuova reazione degli uomini di Inzaghi non basta: una punizione imprecisa di Milinkovic-Savic, un colpo di testa debole del nuovo entrato Parolo e soprattutto il palo colpito da Immobile al 95', nell'ultima azione del match, non sono sufficienti per volare in Ucraina con un risultato positivo. Tra una settimana servira' un'altra Lazio.

FELIPE ANDERSON: "Ci dispiace perche' volevamo un risultato positivo e invece e' arrivato questo pareggio. Loro sono una buona squadra, noi abbiamo sbagliato lasciando troppi spazi: ora dobbiamo restare calmi e lavorare per portare a casa la qualificazione. Io provo sempre a fare bene, certo quando gioco dall'inizio e' diverso, sento piu' la partita. Mi dispiace per quanto accaduto di recente (la discussione con il tecnico Simone Inzaghi, poi risolta, ndr): siamo essere umani, magari il modo e' stato sbagliato, ma e' tutto risolto e mi ha aiutato a crescere. Ora devo lavorare sempre di piu' e restare a disposizione: l'importante e' che la squadra vada bene, e' l'unica cosa che conta".

IMMOBILE: "Sto ripensando ai mille modi in cui potevo fare diversamente ma a volte entra, a volte no e non bisogna abbattersi. Forse oggi meritavamo qualcosa in piu' ma ce l'andremo a giocare in Ucraina. Fortuna e sfortuna dipendono dal lavoro, significa che dobbiamo dare di piu', che non e' stato fatto abbastanza per portare a casa i risultati anche se con Milan e Lazio le prestazioni sono state fatte e anche stasera meritavamo la vittoria. Facciamo fatica contro le difese schierate e dobbiamo sapere che sara' cosi' anche in Ucraina, visto che a loro bastera' lo 0-0. Ma abbiamo una settimana per prepararci e capire come sfondare il loro muro".

Informativa breve

Il sito Rai utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata, per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi e se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui - Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.