Arresti tra i dilettanti di ciclismo

Indagine partita dalla morte di Linas Rumsas

Operazione antidoping della Polizia di Stato, a Lucca. I poliziotti della Squadra Mobile e del Servizio Centrale Operativo della Polizia di Stato stanno eseguendo alcuni arresti nei confronti della dirigenza di una delle maggiori squadre di ciclismo dilettantistico italiano.
Tra gli arrestati, oltre al proprietario del team e all'ex direttore sportivo, anche un farmacista, che avrebbe rifornito la squadra di farmaci vietati dalla normativa sul doping, in assenza di prescrizione medica. Gli atleti, alcuni giovanissimi, scrivono gli investigatori, sarebbero stati incoraggiati dal presidente della squadra a fare uso di sostanze dopanti.

Tra i farmaci, epo in microdosi, ormoni per la crescita e antidolorifici a base oppiacea. Numerose le perquisizioni in corso, a Lucca e in altre province della Toscana. Ad essere perquisito anche lo studio legale di un avvocato del foro lucchese. L'indagine ha preso le mosse dalla morte di Linas Rumsas, giovane promessa del ciclismo, venuto a mancare, improvvisamente, il 2 maggio scorso. Linas Rumsas era il figlio di Raimondas Rumsas, ex ciclista lituano di fama internazionale.

Informativa breve

Il sito Rai utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata, per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi e se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui - Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.