Roma-Napoli volata per il 2° posto

180’ per l'accesso diretto alla prossima Champions

1495214952872_1843138-38859991-2560-1440.jpgRoma, 19 mag. - Centottanta minuti per l'accesso diretto alla prossima Champions League e sognare, perchè no, un clamoroso 'ribaltone' scudetto. Roma e Napoli scendono in campo domani rispettivamente contro Chievo e Fiorentina con un solo risultato a disposizione: la vittoria. A due giornate dalla fine non sono permessi errori, i giallorossi per difendere il punto di vantaggio in classifica e gli azzurri per tenere il passo. Due partite sulla carta dalle difficoltà completamente diverse: la Roma di Spalletti affronta in trasferta un Chievo che non ha ormai più niente da chiedere a questo campionato, il Napoli ospita al San Paolo una Fiorentina ancora in corsa per i preliminari di Europa League e quindi motivata a vendere cala la pelle.
 
In casa Roma la buona notizia per Spalletti è il recupero di Edin Dzeko al centro dell'attacco, il bosniaco prenderà il posto di Perotti al fianco di Salah ed El Shaarawy. "Mancano ancora due partite da vincere per arrivare davanti al Napoli", ha detto l'allenatore della Roma in conferenza stampa. "Il Chievo ha una identità ben precisa e ha messo in difficoltà spesso squadre ben più forti. Ha fatto vedere di avere un'identità ben chiara e un gioco sviluppato con qualità e velocità", ha aggiunto il tecnico giallorosso. Sui sogni di ribaltone scudetto, Spalletti non si fa illusioni. "Il campionato lo vince giustamente la Juve perchè è stata la squadra più forte, che si è sempre fatta trovare pronta in tutte le competizioni. A noi non cambia niente, per far avverare questo miracolo dobbiamo vincere le prossime due partite. Non abbiamo altra strada", ha ribadito. Il tecnico ha parlato anche di Totti, difendendo ancora una volta le sue scelte. "L'ho penalizzato, ma io faccio la formazione con il criterio di vincere queste due partite", ha detto. Anche se ormai senza obiettivi, il Chievo è tutt'altro che disponibile a fare da vittima sacrificale. "Sappiamo l'importanza della partita per la Roma, per noi sarà difficile. Loro non concederanno niente ma noi dobbiamo fare una partita coraggiosa e senza porci limiti", ha detto Maran.
 
Il big match del Sabato è però certamente Napoli-Fiorentina, una partita che negli ultimi anni ha sempre regalato gol ed emozioni. Sarri ha un solo dubbio: Allan. Il centrocampista brasiliano è alle prese con un fastidio muscolare e oggi si è allenato a parte, per il resto tutti a disposizione di un Sarri concentratissimo. "Per noi domani è una partita difficile mentalmente, però dobbiamo proseguire sulla nostra strada. La Fiorentina è una delle poche squadra che riesce a toglierci il possesso della palla e giocano con un modulo per noi problematico. Sono sempre state partite difficili", ha dichiarato Sarri. Il tecnico campano che si è detto "felice" per il rinnovo di Mertens è Sarri  determinato: "vogliamo arrivare in fondo al campionato e fare il record di punti".
 
Sul fronte opposto una Fiorentina incerottata si presenza al San Paolo per giocarsi le ultime speranze di Europa League. Oltre a Borja Valero e Astori squalificati, Paulo Sousa dovrà fare a meno anche dell'infortunato Carlos Sanchez. Il tecnico portoghese è comunque fiducioso. "Siamo la squadra che ha creato più difficoltà al Napoli", ha ricordato Sousa. Sui problemi di formazione, il tecnico portoghese ha ammesso: "L'assenza di alcuni giocatori importanti potrebbe portare ad un atteggiamento diverso della squadra. Noi per lavoriamo comunque sempre per vincere le partite e domani sarà la stessa cosa".

  • visualizzazioni
  • condividi
  • pubblicato19.05.2017
  • voto
    00
    ;;;;;

Commenti

Riduci