Pelè: "Un amico e una grande persona"

"Molti lo ricordano per quella parata fatta contro di me nel 1970"

1549987430015_GettyImages-2673964 1.jpgUn grande portiere, campione del mondo nel 1966, una splendida carriera e tra le tante gemme regalate c'e' quella del 1970. Un vero e proprio miracolo sul colpo di testa di Pele' per confezionare la "parata del secolo". Gordon Banks e' deceduto oggi all'eta' di 81 anni e tra i tanti che hanno deciso di ricordarlo c'e' anche O Rey", l'ex fuoriclasse brasiliano che non puo' non tornare su quell'intervento al Mondiale del 1970. "Molti lo ricordano per quella parata fatta contro di me nel 1970 ed e' facile capirne il motivo - scrive Pele' -. Quell'intervento fu uno dei migliori che abbia mai visto tra tutte le partite che ho giocato e le migliaia che ho visto nella mia vita. Ogni calciatore si rende subito conto quando colpisce bene la palla e quel pallone io lo colpii proprio come speravo e infatti ero pronto a festeggiare, ma quest'uomo, Banks, apparve all'improvviso alla mia vista come una specie di fantasma blu, facendo qualcosa che non mi sembrava possibile, non riuscivo a crederci e ancora oggi non capisco come abbia fatto".

"Ho segnato tanti gol nella mia vita - prosegue Pele' -, ma molte persone quando mi incontrano mi chiedono sempre di quella parata che fu fenomenale. Il mio ricordo di Gordon, pero', non e' legato a quell'intervento, ma alla sua amicizia. Era un uomo gentile e caloroso che ha dato tanto alla gente. Sono felice che fece quella parata su di me, perche' da li' comincio' un'amicizia della quale faro' sempre tesoro. Ogni volta che ci incontravamo era come se non ci fossimo mai separati. Oggi provo grande tristezza e mando le mie condoglianze alla famiglia, Gordon ne era molto orgoglioso. Riposa in pace, amico mio. E' vero, sei stato un portiere magico, ma eri anche molto di piu', eri una bella persona".

  • visualizzazioni
  • condividi
  • pubblicato12.02.2019
  • voto
    00
    ;;;;;