Pari tra Lazio e Roma

Finisce 0-0 all'Olimpico. Espulso Radu per doppia ammonizione

1523895384056_GettyImages-946641892.jpgLazio e Roma a 61 punti, uno in piu' dell'Inter, l'altra pretendente ad un posto in Champions League.

Le fatiche europee influiscono sul derby di ritorno della Capitale, che termina con un pari senza reti. I giallorossi non sfruttano l'onda emotiva dell'ingresso in semifinale di Champions, anche se lamentano i legni colpiti da Peres e Dzeko; i biancocelesti non si riscattano dopo il ko in Europa League con il Salisburgo ma quantomeno portano a casa un pari pesante, anche perche' costretti a giocare in dieci nel finale per l'espulsione di Radu.

Senza l'indisponibile Patric, Inzaghi gioca da subito la carta Felipe Anderson, in appoggio al bomber Immobile. Privo degli infortunati Perotti, Defrel e Karsdorp, Di Francesco risponde inserendo Nainggolan nel tridente offensivo con Schick e Dzeko. Approccio tutta grinta dei biancocelesti, che si fanno minacciosi dalle parti di Alisson con Parolo, impreciso all'8' nel calciare alto un pallone lasciato vagante da una 'dormita' della difesa giallorossa.

Proprio l'ex centrocampista del Cesena e' tra i piu' attivi dei suoi, visto che Immobile finisce spesso e volentieri in fuorigioco e Felipe Anderson non ingrana la marcia. La Roma arretra ma non si chiude e opta per le ripartenze. Il gioco si fa nervoso, Leiva rischia un secondo giallo e, al 37', si registra la prima, grande occasione del match: Nainggolan serve alla perfezione Bruno Peres, il cui diagonale in area colpisce il palo.

Due minuti dopo Kolarov prova ad imbeccare Dzeko, che non arriva all'appuntamento per un soffio. Stesso copione in avvio di ripresa ma tecnici pronti a utilizzare le panchine per dare slancio e vitalita' alle squadre. La tensione e' palpabile ma capita poco. Dentro Under nella Roma, Luis Alberto e Lukaku nella Lazio: cambi che non hanno un grande impatto sulla partita, tanto che sul taccuino finiscono un tiro impreciso di Dzeko, un accenno di rissa dopo un colpo di Milinkovic su Manolas e una sgroppata di Immobile che, al 21', non centra il secondo palo.

Florenzi entra per un acciaccato Manolas, Immobile si lascia cadere in area ma Mazzoleni non ci casca, Luis Felipe tenta la rasoiata da fuori sfiorando il palo. Tutto alla mezz'ora o giu' di li', anche il secondo giallo a Radu che lascia la Lazio con l'uomo in meno. Pero' sono i biancocelesti a sfiorare il vantaggio al 38' con Marusic che, dopo una sgroppata di Milinkovic, si vede deviare in angolo da El Shaarawy il tiro a botta sicura.

Nel finale Dzeko sale in cattedra: prima stacca su gran cross di Under costringendo Strakosha alla parata, poi inzucca sulla traversa e infine conclude di potenza mettendo di poco out. Nel recupero e' pero' Milinkovic a far venire un brivido nella schiena della Sud con un tentativo da distanza siderale che per poco non sorprende Alisson.

Termina cosi' sullo 0-0 un derby non memorabile ma intenso al punto giusto, che legittima le ambizioni di Champions di Roma e Lazio, rivali in citta' ma anche in classifica.

  • visualizzazioni
  • condividi
  • pubblicato15.04.2018
  • voto
    00
    ;;;;;