Ko Warriors e Boston, vola Toronto

I Raptors vincono lo scontro diretto coi Celtics e sono secondi

sport_focus_image9b7e3ddebbcb29c18a5f9ba2a022bf19.jpgL'inatteso tonfo casalingo dei Golden State Warriors è il dato principale del turno Nba giocato nella notte.

I campioni sono stati sconfitti 125-105 dagli Oklahoma City Thunder. Una partita senza storia, dominata sotto canestro da Paul George (38 punti) e soprattutto da Russell Westbrook, per lui 34 punti (9 assist e 9 rmbalzi).

Per gli sconfitti resta la buona prova di Kevin Durant, per lui 33 punti, e la giornata no di Steph Curry e Klay Thompson, rispettivamente andati a segno con 21 e 12 punti, troppo pochi per poter prevalere sugli scatenati rivali.

Altro ko inatteso quello dei primi in classifica a Est, i Boston Celtics, messi sotto con il punteggio di 111-91 dai Toronto Raptors che così rilanciano ulteriormente le loro ambizioni di classifica, e ora sono secondi a una sola lunghezza proprio dai Celtics.

Non è stata invece una sorpresa l'ennesima sconfitta di Cleveland, stavolta in casa degli Orlando Magic, per 116-98. I Cavs sono ormai in caduta libera, 14mo ko nelle ultime 21 gare.

  • visualizzazioni
  • condividi
  • pubblicato07.02.2018
  • voto
    00
    ;;;;;