Ventura: "Modulo? Conta la voglia"

Domani la sfida alla Macedonia: "Obbligo di vittoria? Sempre avuto"

1507224112884_GettyImages-857917688.jpg"Preoccupato dall'obbligo di vittoria? E' dal primo giorno che abbiamo l'obbligo di vincere, anche le amichevoli perché dobbiamo sempre dimostrare qualcosa. Anche domani avremo l'obbligo di vittoria, in questo non ci sono variazioni". Lo ha detto Gian Piero Ventura, commissario tecnico della Nazionale, presentando la sfida di domani sera contro la Macedonia a Torino e valida per le qualificazioni ai Mondiali. Dal punto di vista psicologico "c'è grande serenità, è stata una delle settimane migliori sul piano del lavoro e della partecipazione, sono assolutamente soddisfatto", ha aggiunto il tecnico azzurro.

“Formazione e modulo? Al di là di quello a me interessa la voglia, l’entusiasmo. Ho sempre ricevuto disponibilità e partecipazione da parte di tutti i giocatori. Abbiamo fatto già 18 punti, ma ne dobbiamo fare altri, almeno due per avere una buona posizione nei playoff. Questo è un gruppo importante dal punto di vista tecnico, ma anche del carattere"

"Verdi? Dovrà dimostrare di valere questa maglia e di voler stare in questo gruppo. Cambio di modulo? Più che il modulo è importante l’entusiasmo. Lavoriamo per fare punti e avere un miglior sorteggio. Ho imparato molto da loro. Playoff? Non mi aspetto nulla in particolare, saranno gare da vincere, tutto qua”.

Domani Ventura torna all'Olimpico, lo stadio del 'suo' Torino: "Emozionato? Mi aspetto una buonissima prestazione da parte della squadra, lo stadio è una conseguenza. Mi fa piacere tornarci, in italia non è facile fare cinque anni in un club". Questo stadio "lo sento casa mia, il pubblico è sempre stato straordinariamente positivo qui a Torino", ha aggiunto. "Mi auguro ci dia ulteriore spinta, ma il pubblico deve essere preso per mano da noi".

Da queste ultime gare, ha sottolineato Ventura, "non mi aspetto niente di particolare in proiezione playoff. Arriviamo con la consapevolezza che avevamo una percentuale alta di qualificarci, non c'è disperazione ma la consapevolezza che è stato fatto un bel lavoro. C'è voglia di arrivarci e di farli, poi tireremo somme alla fine".

Azzurri che devono fare a meno dell'infortunato Belotti: "Una perdita importante, come quella dei centrocampisti che ci mancano. Gli auguro di tornare nel minor tempo possibile".

La parola passa poi a  Giorgio Chiellini: “Sarà una gara impegnativa, la Macedonia ha molta qualità in avanti, non sarà facile. Dobbiamo rimanere concentrati per tutta la gara. Apocalisse in caso di mancata qualificazione? Purtroppo ci sono alti e bassi e non bisogna fare voli pindarici, anzi dobbiamo isolarci da queste voci. I playoff li affronteremo con grande fiducia e rispetto per l’avversario. Certe voci non ci devono scalfire. Critiche? Abbiamo perso con la Spagna, una delle più grandi realtà del calcio moderno”.

  • visualizzazioni
  • condividi
  • pubblicato05.10.2017
  • voto
    00
    ;;;;;

Commenti

Riduci