Mancini: “Sarri è un razzista”

"Persone come lui non possono stare nel calcio”

1453243657001_505728234.jpgNapoli, 19 gen. - Sarri "è un razzista, uomini come lui non possono stare nel calcio. Ha usato parole razziste".
E' l'accusa di Roberto Mancini, allenatore dell'Inter, in merito all'alterco avuto con il tecnico del Napoli nel finale del match di Coppa Italia. "Mi son alzato per chiedere al quarto uomo del recupero. Lui ha iniziato ad inveire contro di me, dicendo 'frocio e finocchio'. Sono orgoglioso di esserlo se lui è un uomo", ha detto Mancini ai microfoni di Raisport.
 
"Persone come lui non possono stare nel calcio, se no non migliorerà mai. Ha 60 anni, si deve vergognare. Il quarto uomo ha sentito e non ha detto niente. La partita? Non mi intessa. Questo episodio cancella tutto. Si può litigare - ha aggiunto - si può essere in disaccordo, ma così è una vergogna. Sono andato a cercarlo negli spogliatoi, mi ha chiesto scusa. In Inghilterra uno così non starebbe nemmeno in un campo di allenamento", ha concluso Mancini.
 

  • visualizzazioni
  • condividi
  • pubblicato19.01.2016
  • voto
    00
    ;;;;;

Commenti

Riduci