Lorenzo: "Volevo restare in Ducati, ma..."

Dovizioso promuove Petrucci

1528997509598_lorenzo marquez.jpgLe numerose novità dei team per le prossime stagioni in MotoGp hanno catalizzato l'attenzione durante la conferenza stampa del Gp di Catalogna. A cominciare dal passaggio di Jorge Lorenzo dalla Ducati alla Honda Hrc, dove farà coppia con un altro pluricampione come Marc Marquez.

"Da lui ci aspettavamo di più" era stato il nemmeno tanto velato rimprovero del team al momento dei saluti, seguiti alla vittoria del Mugello. "Il mio obiettivo e la mia priorità era restare alla Ducati per completare il lavoro iniziato l'anno scorso. Fino a Le Mans ero convinto di rimanere. Poi ho capito che Ducati voleva sostituirmi. Così ho deciso di programmare diversamente il mio futuro" ha ribattuto Lorenzo, lasciando intendere che qualcuno non ha creduto in lui fino in fondo.

La Honda, con la quale correrà nelle prossime due stagioni, passa per essere una moto non facile: "Tutti mi guardano come se fossi un debuttante nel motomondiale, ma io posso essere veloce e vincente con qualsiasi tipo di moto e in ogni categoria, ho questa dote. In Honda sarà una sfida difficile, ma so di poterla vincere. Ora per, e fino all'ultima gara - ha assicurato Lorenzo - dar tutto per ottenere il meglio con questo team, così come feci con la Yamaha".

E Marquez cosa si aspetta dal nuovo compagno? "Ci sarà un grande cambiamento nel box Honda, ho imparato tanto da Pedrosa (che oggi non ha svelato se e, nel caso, con chi continuerà a correre, ndr). Cercherà di imparare anche Jorge, che ha uno stile di guida diverso da quello di Dani, così rotondo e scorrevole".

Marquez ha mai pensato di lasciare la Honda? "Ora rispondo di no, ma non si può mai sapere. Al momento non ho bisogno di nuove motivazioni, sento che qui sono rispettato e questo vale più delle prestazioni o dei soldi". Quanto alla caduta del Mugello: "Già dimenticata".

Con Valentino Rossi si parla della gara: "Negli ultimi anni ho avuto risultati molto diversi al Montmelò, l'anno scorso ho faticato tantissimo, non me l'aspettavo vista la vittoria del 2016. La pista è cambiata parecchio, c'è un nuovo asfalto, meno avvallamenti, è cresciuta l'aderenza, questo sulla carta può aiutarci. Lorenzo in Honda? Mi ha sorpreso la notizia, non avevo sentito nessun rumors, sono stati bravi a mantenere il segreto. Penso che la Honda abbia fatto una bella mossa, magari avere Marquez e Lorenzo può creare problemi di gestione, ma se fossi un team manager li vorrei avere in squadra".

Andrea Dovizioso resta prudente, ma dopo il secondo posto in Italia la fiducia è in crescita: "Nelle ultime tre gare ho sempre lottato per il podio". Danilo Petrucci sarà il suo prossimo compagno: "Sono contento, il team torna ad essere tutto italiano e con lui ho un buon rapporto. Inoltre conosce bene la Ducati e potrà aiutarmi a migliorare la moto".

  • visualizzazioni
  • condividi
  • pubblicato14.06.2018
  • voto
    00
    ;;;;;