Lopetegui: 'Una perdita di tempo pensare all'Italia'

Il tecnico della Spagna: 'Partita a settembre, è uno spreco di energie'

1487677647601_GettyImages-632836120.jpg"Non dobbiamo pensare alla sfida contro l'Italia come la partita chiave perche' ogni gara e' fondamentale, a partire da quella di Gijon contro Israele. Perdere energie pensando a una gara che si giochera' solo a settembre significa perdere tempo. Bisogna pensare prima alle prossime partite".

Julen Lopetegui, ct della Spagna, ai microfoni di "Radio Marca" tiene per adesso lontano il pensiero della sfida contro gli azzurri che potrebbe decidere il primo posto nel girone di qualificazione ai Mondiali del 2018. Facendo un bilancio di questi suoi primi mesi al timone delle Furie Rosse, Lopetegui crede che "abbiamo fatte delle buone partite e con personalita'. Poi siamo sempre interessati a migliorare, sia in attacco che in difesa, essere una squadra migliore".

Il tecnico non esclude novita' nelle prossime chiamate. "Dedichiamo molto tempo ai giocatori che sono convocabili, studiamo la loro crescita, sia in Spagna che all'estero. E' difficile fare una lista di quelli che possono essere convocati, le porte sono sempre aperte e di volta in volta si puo' cambiare qualcosa. Iago Aspas, per esempio, e' un giocatore che rientra nei nostri piani".

Per Casillas, invece, non sembra esserci piu' spazio. "Ma quando dico che le porte sono aperte, vale anche per Iker, un ragazzo che e' convocabile e che gioca a un livello alto. Ma mi piacerebbe che si parlasse anche di De Gea, Reina, Sergio Rico, Asenjo...".

Lo scorso Europeo, con l'eliminazione negli ottavi per mano dell'Italia, ha segnato la fine di un ciclo ma questo non deve indurre al pessimismo. "Dobbiamo essere fieri di quello che ha ottenuto il calcio spagnolo, prima con Aragones e poi con Del Bosque. Abbiamo avuto la miglior generazione del calcio spagnolo e forse mondiale. Ora, pero', dobbiamo credere nella generazione dei giovani che abbiamo, sono ambiziosi e tutti dobbiamo fare il nostro cammino. Dobbiamo guardare avanti con fiducia".

Infine una battuta su Pique', che ha gia' deciso di dire addio alla nazionale dopo i prossimi Mondiali visti i continui attacchi nei suoi confronti: "Nessun dubbio sul suo impegno. Abbiamo bisogno di giocatori come lui".

  • visualizzazioni
  • condividi
  • pubblicato21.02.2017
  • voto
    00
    ;;;;;

Commenti

Riduci