"Vinciamo il derby per i tifosi"

Joao Mario: "Pioli ci chiede testa e cuore"

sport_focus_image03a3682b3f9d3a03b0a109c3f86e7adb.jpg"Il derby e' una partita molto importante, vogliamo provare a vincere per salire in classifica e raggiungere quota 20 punti. I nostri tifosi ci tengono tanto e speriamo di far loro un bel regalo": lo ha detto il centrocampista dell'Inter Joao Mario a tre giorni dalla sfida contro il Milan a San Siro. Sara' la gara di esordio per il tecnico Stefano Pioli che solo da domani potra' lavorare con la squadra al completo dopo il rientro oggi degli ultimi giocatori convocati dalle rispettive nazionali.

"Dovrebbe essere una bella partita - ha aggiunto Joao Mario - speriamo di portare a casa un buon risultato. Il derby come la finale dell'Europeo è una partita speciale. Arriva al termine di una settimana diversa dalle altre, con una preparazione diversa".

SU PIOLI: "E' una brava persona, ha un a buona mentalità e anche i suoi allenamenti lo sono. Per ora ha lavorato solo 4 giorni con la squadra, dobbiamo aspettare ma a me piace il suo stile e spero ci possa aiutare". Sono queste le prime impressioni del centrocampista dell'Inter Joao Mario del nuovo tecnico Stefano Pioli. "Ha chiesto a ognuno di noi di dare il massimo, di giocare con la testa e con il cuore. Dobbiamo fare questo e mettere in pratica le sue idee. I problemi con de Boer? Erano problemi di tutta la squadra, in queste situazioni poi è l'allenatore che paga ma non credo proprio che fosse solo colpa sua".

Il giocatore nerazzurro è ancora convinto che la squadra possa arrivare in Champions League. "Certamente, per la matematica siamo ancora in corsa. Abbiamo una buona squadra, ottimi giocatori, dobbiamo cominciare a vincere per poter arrivare al terzo o al secondo posto - ha spiegato Joao Mario - Il mio obiettivo per questa stagione? Voglio andare in Europa, qui c'è una mentalità differente, un modo di giocare diverso da quello in Portogallo, non vedo l'ora che inizi la mia carriera internazionale e sono felicissimo di essere qui e di poter giocare in un modo nuovo, con un'impostazione diversa da quella abituale. Sono felice di essere in Serie A".

 

  • visualizzazioni
  • condividi
  • pubblicato17.11.2016
  • voto
    00
    ;;;;;

Commenti

Riduci