Il 'no' di CR7 a Perez

Rifiutato l'aumento in base agli obiettivi ritenuto una mancanza di rispetto

1527415390880_GettyImages-891429348 1.jpgCristiano Ronaldo e Florentino Perez avevano cominciato ad affrontare la questione del rinnovocontrattuale a dicembre scorso, in occasione del Mondiale perclub, poi vinto dai Blancos. In quell'occasione, scrive oggi lospagnolo 'AS', il 'presidentissimo' aveva promesso a CR7 unaumento di 9 milioni del suo ingaggio (attualmente di 21milioni), ma condizionandolo al raggiungimento di titoli(Champions) e premi individuali (Pallone d'Oro, 'The best' Fifaecc ecc). Un atteggiamento, ricostruisce la testa iberica, chenon è piaciuto affatto all'asso portoghese che ieri, subito dopol'ennesima conquista della Champions (per lui è la 4/a con ilReal) si è voluto togliere i classici sassolini dalle scarpe,facendo capire di essere pronto al divorzio.

"Nel mese didicembre, durante la Coppa del Club World di Abu Dhabi, JoseAngel Sanchez e C.Ronaldo - scrive 'AS' - hanno avuto unariunione in cui si è affrontata la questione del contratto, alloscopo di cercare di placare il disagio del giocatore (cheguadagna meno di Neymar o Messi, ndr) e proporne uno nuovo emigliore. Si trattava di un aumento di nove milioni, macondizionato al raggiungimento di titoli e premi individuali.L'offerta è stata respinta da Ronaldo ritenendolo una mancanzadi rispetto vista la sua carriera nel club. A peggiorare lecose, nella notte in cui il portoghese vinse il 5/o palloned'oro, Florentino si sperticò nelle lodi a Neymar, un 'flirt'che - scrive 'AS' - davvero poco appropriato in quel momento.Quindi, la 'bomba' lanciata ieri da C.Ronaldo non ha fatto altroper far esplodere una situazione radicata da mesi".

  • visualizzazioni
  • condividi
  • pubblicato27.05.2018
  • voto
    00
    ;;;;;