Il Gup di Torino chiederà agli ultrà dei biglietti di Barça-Juve

Al centro dell’audizione di Grancini anche la partita recente

1492789337168_foto curva juve pag 36-kZ8H-U109024734227TvG-1024x576LaStampa.it.jpgTorino, 21 apr.  - Casi recenti di cessione di pacchetti di biglietti dalla Juventus alla tifoseria organizzata, forse anche in occasione dell'ultima trasferta a Barcellona.
Sarà questo, come si ricava dall'ordinanza del gup Giacomo Marson, l'oggetto della testimonianza del capo ultrà Loris Grancini al processo di 'ndrangheta Alto Piemonte. A chiedere l'audizione è stato l'avvocato di uno degli imputati, Rocco Dominello.  
 
"Vogliamo semplicemente dimostrare - ha detto l'avvocato Domenico Putrino, difensore di Dominello - che i gruppi sono riconosciuti e autorizzati ad avere biglietti. La 'ndrangheta non ha niente a che vedere con tutto questo. Rocco Dominello, che a differenza di quello che sostiene l'accusa non è uno 'ndranghetista, incontrava i vertici della Juventus, Andrea Agnelli compreso, come rappresentante di tifosi e basta".    L'avvocato Putrino, nel chiedere la convocazione di Grancini (capo dei Viking) ha fatto riferimento a una "recente intervista".
 
Grancini, in effetti, il 27 marzo 2017 è intervenuto in una trasmissione di Tele Lombardia dove, fra l'altro, avrebbe spiegato che il suo gruppo non riceve più biglietti dalla Juventus, ma altri sì: in occasione della "trasferta di Barcellona" i Viking si sarebbero sentiti dire 'a voi no, agli altri mille biglietti'".    "Di queste circostanze - commenta Putrino - non so nulla. Crediamo però che sia necessario un approfondimento in aula. E il giudice ha accettato la nostra richiesta". 
 

  • visualizzazioni
  • condividi
  • pubblicato21.04.2017
  • voto
    00
    ;;;;;

Commenti

Riduci