Gattuso: "Higuain sia meno nervoso"

Il tecnico del Milan: "Ibrahimovic? Ad avercene come lui...'

1543078196061_GettyImages-1060924904.jpg"Higuain a oggi non mi ha mai detto che vuole andar via. Mi suonano strani questi titoli: con il rapporto che abbiamo, se avesse voglia di cambiare aria me lo avrebbe detto. Penso non ci sia nulla di vero". E' la precisazione di Rino Gattuso, nella conferenza stampa della vigilia della trasferta contro la Lazio, sulle indiscrezioni che riguardano il futuro dell'attaccante argentino, che ieri si è visto respingere il ricorso contro le due giornate di squalifica.

"In passato - ricorda Gattuso - è capitato che alcuni giocatori siano venuti da me per problemi familiari, come Bonucci che ha fatto una scelta precisa. Le voci su Higuain non mi danno fastidio, deve solo essere meno nervoso".

"Higuain - aggiunge Gattuso - sa che deve migliorare, Milanello non è una zona di parcheggio dell'Autogrill dove i giocatori si fermano solo un anno. Bonucci ha dato tantissime cose, Higuain sta dando tante cose, ma poteva gestire meglio l'episodio sull'arbitro. Se la sentiva di tirare il rigore, li ha sbagliati anche Maradona".

"Ibra? Non è vero che lui si è proposto, forse è stato cercato e ci sta pensando. Ad avercene di giocatori come lui. Chi arriva al Milan è sempre contento di indossare una maglia così importante. È stato un mio compagno di squadra, con lui c'è un ottimo rapporto".

"Il Milan farà una grandissima partita contro la Lazio, ne sono convinto. Quando affrontiamo le grandi squadre lo facciamo con la giusta cattiveria poi la differenza la fanno le giocate dei singoli. Ho visto una squadra che aveva voglia di stare in campo, siamo partiti male ma giocavamo un buon calcio, ora stiamo giocando meno bene ma siamo riusciti a vincere un po' di partite migliorando la  classifica. Ora bisogna stringere i denti tutti assieme".        

Tra i convocati per l'Olimpico c'è anche Calhanoglu. "Sta un po' meglio. Tante sue prestazione negative sono state colpa mia e del mio   staff, che lo abbiamo fatto giocare quando non era al top della   condizione. Lui è sempre stato molto disponibile. Ha questo dolore al   piede che gli impediva la conclusione e che lo frenava. In questo momento è un giocatore che ci serve al massimo per la qualità che ci dà".

E sulla Lazio Gattuso aggiunge. "Ha cambiato poco o nulla rispetto all'anno scorso. Hanno lo stesso modo di giocare, con   cui portano tanti giocatori in zona offensiva. E poi hanno Immobile.   Nessuno attacca la profondità come lui".        

Infine sull'infermeria rossonera. "Musacchio e Romagnoli possono tornare a disposizione fra tre settimane, ma questa è una mia idea. Il  problema è che si sono fatti male tutti insieme, ma non è solo un problema al polpaccio. I giocatori si sono fatti male su tre campi diversi, Romagnoli a Coverciano, Biglia sul campo 3 e non scattando, Caldara sul campo 5 che è simile a San Siro. Strinic in campo? Anche domani, non si sa mai. E' un giocatore che abbiamo a disposizione e dobbiamo metterlo in condizione di farlo esprimere al massimo", conclude Gattuso.

  • visualizzazioni
  • condividi
  • pubblicato24.11.2018
  • voto
    00
    ;;;;;