Gasperini in esclusiva

Intervista di Andrea Riscassi

1547393397192_Gasperini.jpgGasperini, tutte le big stanno affrontando la Coppa Italia con i titolari per cercare di passare il turno, l’Atalanta come ha preparato il match?

Uguale, come tutti. Cerchiamo di superare il turno anche perché la Coppa Italia arriva comunque dopo la sosta e in un momento nel quale può essere anche una partita di preparazione per il campionato. Quindi c’è il tempo per affrontarla con la squadra migliore.

Sfidate il Cagliari che all’andata qui a Bergamo vinse. Che partita si aspetta?

Una partita difficile perché ritengo il Cagliari una ottima squadra anche se un po’ attardata in classifica rispetto a quello che è la potenzialità e rispetto anche a quello che abbiamo visto qui all’andata. Però per noi è chiaro che è una partita secca, giocata in trasferta, dove andiamo con l’intenzione e la fiducia di poter passare il turno.

Avete un po’ di acciaccati e qualche infortunato. Sarà l’occasione per mettere in mostra qualcuno che in questi mesi ha giocato poco?

No, affronteremo la partita al meglio delle nostre possibilità come tutte le squadre cui ha accennato prima e sarà una partita nella quale tutte e due le formazioni cercheranno di passare il turno. Anche perché avranno poi la possibilità di confrontarsi (noi, eventualmente, in casa) con la Juventus. La Coppa Italia in questa fase è ancora una manifestazione incerta, ma dopo diventa molto bella.

L’ostacolo Juventus vi si riproporrebbe come sempre, in Coppa Italia...

Sì, questo è vero, ne faremmo anche a meno. Ma capitiamo sempre nella loro parte di tabellone. Speriamo comunque di poter fare questa gara il 30 gennaio!

Avete chiuso il girone di andata come miglior attacco del campionato. Se lo aspettava?

Non era prevedibile che nel girone di andata l’Atalanta facesse più gol addirittura di Juventus e Napoli che sono le regine di questo campionato. Vuol dire che abbiamo fatto sicuramente bene anche se abbiamo concentrato tutti questi gol dopo le prime cinque, sei giornate nelle quali invece facevamo fatica a realizzare.

Nell’ultima di campionato avete fatto sei gol. La pausa vi ha tolto qualcosa o siete ancora quelli di Sassuolo-Atalanta?

La pausa toglie sempre un po’ a tutti qualche cosa perché il ritmo del campionato è diverso. Quando ti fermi una o due settimane lo senti. Ma vale per tutte le squadre. Quindi varrà anche per il Cagliari.

A proposito di Cagliari troverete Barella che proprio qui a Bergamo ha segnato il gol vittoria. Che giocatore è?

È un ragazzo indubbiamente che sta facendo delle cose importanti. Per quelle che sono poi le valutazione è difficile dare un metro giusto, ma indubbiamente è uno dei migliori giocatori emergenti in Italia.

All’Europa ci si può arrivare sia con il Campionato che con la Coppa Italia. Come predilige raggiungerla?

Fosse per me attraverso la Coppa Italia, perché vorrebbe dire vincere una manifestazione così importante! Ma forse è un po’ più accessibile attraverso il campionato.

  • visualizzazioni
  • condividi
  • pubblicato13.01.2019
  • voto
    00
    ;;;;;