Florenzi: 'Spero di fare gol al Milan'

El Shaarawy: 'Diamo un segnale al campionato'

1506689999191_GettyImages-67348492.jpgImpegnato a lavorare sodo a Trigoria "sulla forza, sulla parte fisica" per recuperare il tempo perso a causa del lungo stop e "perché sono stato male a guardare la Roma fuori dal campo".

Alessandro Florenzi è concentrato in vista della trasferta di domenica in casa del Milan dove spera "di segnare un gol" alla formazione rossonera.

Molto dipenderà dalla zona di campo in cui giocherà. L'azzurro infatti resta assieme al turco Under il solo giocatore rimasto a disposizione di Di Francesco nel ruolo di esterno destro offensivo.

Il tecnico deve fare i conti con una infermeria affollata dopo gli stop di Schick, Perotti e Defrel.

Nove anni in Serie A in cui, assicura, "mi sono tolto tante soddisfazione, dal Padova al Milan e poi qui alla Roma. Mi ritengo pero' ancora giovane per togliermene altre, spero con questa maglia".

Stephan El Shaarawy, attaccante della Roma, vive un buon momento di forma ma non dimentica i momenti difficili della sua carriera. "Quello piu' difficile in assoluto e' stato l'infortunio al Milan - ricorda il 24enne savonese - Dopo essere stato fermo per tre mesi, a causa di una ricaduta al piede sono stato costretto a star fuori per quasi un anno. Ho sofferto tanto ma ho avuto l'appoggio di familiari e amici e sono riuscito a riprendermi".

Da venti mesi, il 'Faraone' e' a Trigoria: "Non lo ritengo il periodo della rinascita, sono arrivato qui con l'obiettivo di fare bene e in parte penso di esserci riuscito. Mi ritengo in crescita sotto questo punto di vista, il mio obiettivo e' affermarmi sempre di piu' in Italia e Europa, devo continuare cosi'".

Domenica ecco arrivare un match che per lui non sara' mai come gli altri: "Da tifoso, vestire la maglia del Milan e' stato il coronamento di un sogno. In maglia rossonera ho segnato il mio primo gol in A e in Champions, traguardi significativi della mia carriera che mi hanno aiutato a crescere. Domenica, per me, sara' una partita speciale e, come gia' successo in passato, semmai dovessi segnare non esultero' per rispetto di una societa' a cui devo moltissimo".

La punta giallorossa teme il nuovo Milan dei cinesi: "La societa' ha fatto le sue scelte ed ha rivoluzionato la squadra, riuscendovi in maniera ottima con giocatori di grande qualita'. I risultati stanno arrivando, anche se le ultime due gare in campionato non sono andate benissimo: troveremo una squadra molto tosta che avra' voglia di riscattarsi".

Di Francesco lo ha eletto in pratica "giocatore ideale" per il suo modulo: "Mi fanno molto piacere le parole di Di Francesco. Il suo gioco e' molto vantaggioso per i tempi di inserimento ed i tagli che chiede agli esterni, partendo da destra o sinistra, E' una cosa che mi agevola. Dobbiamo ascoltarlo, e' un tecnico capace e di gran carisma, sa quel che vuole e stiamo migliorando sotto l'aspetto tattico".

Milan-Roma conta "per dare un segnale forte al campionato. E' il secondo scontro diretto, dobbiamo dare un segnale forte soprattutto a noi stessi e alle squadre che ci precedono in classifica, per far capire che stiamo in crescita come collettivo".

Elogi sperticati per Dzeko ("E' un giocatore totale e completo, ha sempre fatto gol ovunque. E' di fondamentale importanza per noi, l'ha sempre dimostrato anche l'anno scorso, su di lui ci puntiamo e contiamo molto") e Florenzi ("Puo' giocare in ogni ruolo e sa adattarsi sempre molto bene. E cosi' fara' qualora il mister domenica lo impieghi davanti, a destra").

Infine, il sogno Mondiale da raggiungere con la Nazionale di Ventura: "E' il primo traguardo, ho giocato una Confederations ed un Europeo ma mai un Mondiale. Sarebbe un altro  grande sogno che si realizza, per cui quest'anno sara' importante far bene con Roma e Nazionale per centrale il Mondiale. Dovremo prepararci bene per i play-off - conclude El Shaarawy - ma il gruppo e' bello compatto e unito per vincere queste partite".

  • visualizzazioni
  • condividi
  • pubblicato29.09.2017
  • voto
    00
    ;;;;;

Commenti

Riduci