Federer e Djokovic avanti senza fatica

Subito fuori Sara Errani e Stefano Travaglia. Interrotto per oscurità il match di Lorenzi

1499196835859_Djokovic.jpgDue vittorie identiche, maturate entrambe per l'infortunio dell'avversario, spingono in meno di un'ora Roger Federer e Novak Djokovic al secondo turno dei Championships.

Sul Centrale, dopo il vittorioso esordio della numero uno al mondo Angelique Kerber - contro Irina Falconi (6-4 6-4) - vanno in scena due allenamenti agonistici. Il primo vede protagonista Djokovic, opposto allo slovacco Martin Klizan. Ceduto il primo set, e sotto di un break, lo slovacco si è arreso per un infortunio alla gamba che non gli consentiva più di correre (6-3 20 rit.).

Impossibile valutare lo stato di forma dell'ex numero uno al mondo, che comunque in 40' è riuscito a collezionare 7 ace e 20 vincenti. Federer, che qui ha già vinto sette volte, è rimasto in campo solo tre minuti in più, il tempo per issarsi 6-3 3-0 e spingere Alexandr Dolgopolov al forfait.

Per Federer - già quattro tornei vinti nel 2017 - si tratta della vittoria numero 85 sui sacri prati di Wimbledon, record assoluto per l'era Open (dal 1968), una in più adesso rispetto a Jimmy Connors. In sei turni di battuta ha messo ha segno 10 ace, sufficienti per tagliare il traguardo dei 10mila in carriera, dietro solo a grandi battitori come Goran Ivanisevic e Ivo Karlovic. Nel secondo turno il campione svizzero - 18 titolo dello Slam - è atteso dal serbo Dusan Lajovic, vincitore sul giovane greco Stefanos Tsitsipas.

Tra gli azzurri in gara, sconfitta con onore per l'esordiente Stefano Travaglia. Proveniente dalle qualificazioni, e opposto ad un altro qualificato, il russo Andrey Rublev, il 25enne di Ascoli Piceno ha ceduto solo al quinto set, lottando fino alla fine, e arrendendosi dopo aver annullato due match-point (7-6(3) 6-3 7-5 1-6 7-5).

"E' stata un'esperienza estremamente positiva, voglio prendere tutto il positivo che c'è - le parole di Travaglia -. Torno a casa ancora più determinato per migliorare. Per me questo torneo rappresenta un punto di partenza. Poteva anche continuare ma spero di avere un'altra possibilità".

Bloccato da un grave infortunio alla schiena, il tennista marchigiano aveva ripreso la racchetta in mano esattamente 12 mesi fa, quando era lontanissimo da questi palcoscenici. "Se un anno fa mi avessero detto che avrei giocato a Wimbledon non ci avrei creduto. Merito del duro lavoro, non mi sono mai arreso e voglio continuare così".

Deludente viceversa il primo turno di Sara Errani che si arrende senza combattere alla bulgara Tzvetana Pironkova (6-1 6-4) e saluta subito Londra.

Interrotto per oscurità il match d'esordio di Paolo Lorenzi. Il senese, numero 33 del ranking Atp e 32ª testa di serie, che punta a vincere il suo primo match ai "The Championships" dopo sei partecipazioni, è stato sorteggiato contro l'argentino Horacio Zeballos, numero 52 Atp, anche lui a caccia del primo successo londinese (quinta presenza). La sfida è stata sospesa nel quarto set: 7-6(3), 4-6, 7-6(10), 2-2 con l'azzurro che nel tie break del terzo parziale ha annullato al rivale quattro set point, di cui tre consecutivi sotto 6-3.

  • visualizzazioni
  • condividi
  • pubblicato04.07.2017
  • voto
    00
    ;;;;;

Commenti

Riduci