Mancini: "Torniamo a fare gol"

Il ct azzurro: "Kean? Ha entusiasmo e vede la porta"

1553328177915_GettyImages-946529314 1.jpg"Avevamo dei dubbi ma li abbiamo risolti. La speranza è che chi vada in campo faccia bene". Lo ha detto il ct della Nazionale, Roberto Mancini, alla vigilia della sfida con la Finlandia di domani sera alla Dacia Arena di Udine valida per le qualificazioni agli Europei del 2020.

RANKING: "Vorremmo risalire un po' questo ranking che non ci piace tanto anche in vista del sorteggio per i Mondiali. E' chiaro che da domani diventa fondamentale questo obiettivo. Non solo per vincere le partite e migliorare sempre ma anche per il ranking".

QUESTIONE GOL: "Per noi era importante riuscire a capire velocemente la squadra e i correttivi da portare - spiega in conferenza stampa il mister azzurro - Siamo stati fortunati nel trovare giocatori disponibilissimi e le cose sono andate piu' veloci del previsto. Ora cominciamo le qualificazioni e sono sicuro che da domani la squadra fara' gol per tutto il suo percorso".

IL GIOVANE KEAN: "Se giochera', mi aspetto faccia quello che sa fare. Non ha l'esperienza di altri ma ha entusiasmo e sa vedere la porta, giocando in tranquillita' ed allegria".

QUESTIONE NUMERO 10: "E' una maglia che ha sempre un sapore particolare perché è nella storia del calcio, lo ha indossato quasi sempre i giocatori piu' straordinari. Io però li lascio liberi, se domani Giorgio (Chiellini, ndr) vuole il dieci... E' una decisione che prenderanno loro".

OBIETTIVI: "Il mio debutto vero non è domani, questo è l'obiettivo primario. Abbiamo onorato fino in fondo la Nations League, da domani diventa fondamentale non solo per vincere le partite e migliorare sempre ma anche per il ranking, che non ci piace tanto e vorremmo risalire un po', e l'eventuale sorteggio per la Coppa del Mondo".

MANCIO PENSIERO: "Cosa penso di aver dato a questa Nazionale? Ho dato quello che posso, la mia esperienza, il bagaglio tecnico e un po' di tranquillità. Ho creduto da subito nel progetto e nei giovani, quando arriveremo all'Europeo si faranno delle scelte e la cosa piu' difficile sara' lasciare a casa qualcuno. E anche loro hanno dato tanto a me".

LA PAROLA PASSA POI A GIORGIO CHIELLINI: "Il clima e' ottimo come sempre, c'e' un gruppo di ragazzi che sta sempre bene. Poi quello che si crea di magico in 40-50 giorni insieme e' diverso, con partite e tensioni, e l'ambizione di questo gruppo e' provare queste emozioni tra un anno e mezzo. Ora dobbiamo strappare il pass attraverso le qualificazioni".

MIGLIORARE: "C'e' sempre la possibilita' di migliorare finche' uno gioca. Nuove cose da fare sono sempre uno stimolo in piu' ed ho cercato sempre di imparare dai miei allenatori e i compagni che ho avuto".

TRANQUILLITA': "Serenita', fiducia ed entusiasmo: ecco quello che ci ha dato Mancini, e non era semplice. Soprattutto per chi ha vissuto l'eliminazione dia Mondiali, ripartire cosi' non era scontato".

KEAN: "E' potente, sa attaccare la porta e la sua dote principale e' fare gol. A gennaio gli ho consigliato di restare alla Juve, con la stagione cosi' lunga poteva essere utile ed avere il suo spazio. Chiudere la carriera in azzurro con la vittoria agli Europei? Si lavora sempre per vincere ma non e' un'ossessione, come vincere la Champions. Se ci riusciro' saro' la persona piu' felice al mondo, altrimenti saro' contento lo stesso".
 

  • visualizzazioni
  • condividi
  • pubblicato22.03.2019
  • voto
    00
    ;;;;;