Crutchlow vola, Rossi ottavo

Valentino festeggia in pista i 39 anni: "Siamo vicini"

1518803263401_Rossi.jpgUna giornata caratterizzata dal sole e dalle alte temperature che a mezzogiorno toccano punte di quaranta gradi nei primi test della MotoGp in Thailandia. Per lunghi minuti la pista è rimasta vuota con i piloti che hanno aspettato ai box un po’ di “fresco”.

Sfruttando le prime sessioni più miti, tutti i piloti sono andati in pista per prendere confidenza con il tracciato novità della stagione. Guardando ai tempi Marquez terzo apparso già in forma iridata, ma Crutchlow ha fatto la prestazione migliore. Tra i piloti Yamaha è Valentino Rossi il più veloce: fresco trentanovenne il pilota pesarese ha chiuso il primo giorno a Buriram con un bilancio positivo e l'ottavo tempo.

"Tanto lavoro fatto e siamo tutti vicini - afferma il dottore - abbiamo lavorato molto sull'accelerazione. A livello fisico devo dire che qui è leggermente meglio della Malesia, l'umidità è minore". Più arretrato il compagno di squadra Vinales. Johann Zarco (Yamaha Tech3) è dodicesimo pur beneficiando di una M1 simile a quelle ufficiali. La moto della scuderia francese monterà per tutte le prove il telaio 2016 con motore 2017 evoluzione.

Da parte sua Marquez è sembrato perfettamente a suo agio sul nuovo tracciato. Il motore della nuova Honda funziona bene e dà la spinta ottimale al prototipo alato nello stretto del Chang International Circuit. Anche Dani Pedrosa è stato impegnato ai box nel programma di avvicinamento al primo Gp mettendo a referto il quinto tempo. Per il pilota di Sabadell anche una caduta senza conseguenze nell'ultima curva, punto della pista non facile, stretto e con traiettorie sporche che costato la scivolata anche a Cal Crutchlow e ad Alvaro Bautista (Angel Nieto Team).

Il britannico del team LCR Honda ha chiuso la mattinata nella top ten svolgendo il programma di sviluppo sulla nuova moto puntando poi dritto al primato del venerdì. Tra lui e Marquez solo 0,115”. Dall'altra parte del box continua a far bene Takaaki Nakagami, che detta legge tra i rookie. Per Suzuki un deciso passo in avanti, in tabella crono e come prestazioni. La GSX - RR sembra adattarsi bene alla pista thailandese e le novità messe a disposizione, come un nuovo finale e il telaio evoluzione, possono dare la costanza ricercata ai due piloti del team Suzuki Ecstar.

Rins è la sorpresa del primo giorno, chiudendo al secondo posto a 0,012” da Crutchlow con Andrea Iannone autore del nono tempo. In quarta posizione (+0,148s) Andrea Dovizioso (Ducati Team). Il forlivese ha girato con la moto 2018 scegliendo nella mattina l'assetto aerodinamico senza appendici e nel pomeriggio due soluzioni innovative con alettoni. Sono tre le carene novità del box di Borgo Panigale unite anche ad un telaio evoluzione.

  • visualizzazioni
  • condividi
  • pubblicato16.02.2018
  • voto
    00
    ;;;;;