Cipollini a Nibali e Aru: “Attenti alla prima salita sull'Etna”

“Non c'è tempo di aspettare che la condizione arrivi pian piano correndo”

1477415625025_Mario-Cipollini-nel-programma-dopante-del-dottor-Fuentes-586x398.jpgMilano, 25 ott. - "State attenti alla quarta tappa, l'Etna. Non c'è tempo di aspettare che la condizione arrivi pian piano correndo. Al primo vero arrivo in salita non si capisce chi vincerà il Giro, ma di sicuro si capirà chi non lo vincerà. Attenzione anche perché arriva dopo il giorno di riposo".
Lo ha detto alla presentazione del Giro d'Italia numero 100 al Palazzo del Ghiaccio di Milano, l'ex velocista Mario Cipollini, rivolto a Vincenzo Nibali e Fabio Aru con lui sul palco, a proposito delle prime salite del Giro, sull'Etna e sul Blockhaus. "Ho vissuto emozioni veramente intense e sono felice di aver fatto il ciclista. Ho visto grandissimi atleti come Indurain, sono davvero emozionato di aver fatto parte di questa famiglia", ha aggiunto.
 
"Per quale motivo il Giro d'Italia non deve essere la gara più bella del mondo visto che il nostro è il Paese più bello del mondo?", si è chiesto poi riprendendo le parole del primo azionista di Rcs, Urbano Cairo, secondo cui "il Tour ci ha staccati". "Da San Pantaleo ad Olbia è veramente difficile, io mi ricordo di essermi staccato. Se chi è davanti vuole vincere la prima tappa è complicato riprenderlo", ha concluso Cipollini.
 

  • visualizzazioni
  • condividi
  • pubblicato25.10.2016
  • voto
    00
    ;;;;;

Commenti

Riduci