Il City rischia l'espulsione dalla Champions

Ufficializzato il deferimento per violazione del fair play finanziario

sport_focus_image54649a2e3206b2fee334de4d84f3121b.jpgOra e' ufficiale: la Uefa mette il Manchester City sotto processo per presunte violazioni del financial fair play, e i neocampioni di Inghilterra allenati da Pep Guardiola rischiano l'esclusione dalla Champions.

Dopo le indiscrezioni dei giorni scorsi, la Uefa ha annunciato che Yves Leterme, capoinvestigatore dell'organismo di controllo finanziario dei club, ha deciso di 'deferire' il City al tribunale della Cfcb.

L'inchiesta era stata aperta il 9 marzo scorso.

"Delusi ma sfortunatamente non sorpresi". Il Manchester City reagisce cosi' alla notizia arrivata da Nyon. Yves Leterme, investigatore capo dell'Organo di Controllo Finanziario dei Club (Cfcb) della Uefa, ha deciso di rimandare il club inglese alla Camera Giudicante al termine della sua indagine "per potenziali violazioni delle regolamentazioni sul Fair Play Finanziario".

Notizia che era stata anticipata nei giorni scorsi dal "New York Times" e il fatto che fosse filtrata, sottolinea il City in una nota, "e' indicativo del processo che e' stato supervisionato da Leterme".

Il club si dice "completamente fiducioso per un esito positivo una volta che la questione sara' esaminata da un organo giudiziario indipendente" e ribadisce che le accuse sono "totalmente false".

Dito puntato anche contro Leterme che "ignora una serie di prove inoppugnabili che sono state fornite dal Manchester City alla Camera di Investigazione".

Nella decisione di deferire la societa' ci sono "errori, interpretazioni errate e confusione, tutto frutto dell'assenza di un giusto processo.

Rimangono anche delle questioni irrisolte, sollevate dal Manchester City in merito a un processo insoddisfacente, limitato e ostile", l'accusa rivolta a Leterme.

  • visualizzazioni
  • condividi
  • pubblicato16.05.2019
  • voto
    00
    ;;;;;