Lega A ancora senza candidato

Lotito tenta la corsa alla presidenza Figc

1515790346477_602x338_assemblea-lega-serie-a-statuto-in-odg.jpgA due mesi dal disastro della Nazionale, la Lega Serie A è ancora spaccata sul nome a cui affidare la ricostruzione del calcio italiano. Mancano solo due giorni dal termine per presentare le candidature per le elezioni federali e nel caos politico si fa largo Claudio Lotito: ha annunciato avere il sostegno necessario di undici club (o 12 addirittura), senza però mostrare il documento con le firme, nel corso di un'assemblea al termine della quale la Lega locomotiva del movimento non ha indicato un proprio candidato, né ha dato l'endorsement a uno di quelli già in corsa per le elezioni del 29 gennaio, il n.1 dell'Assocalciatori, Damiano Tommasi, quello della Lega Pro, Gabriele Gravina, o Cosimo Sibilia, che domani a Roma riceverà l'investitura dalla sua Lega nazionale dilettanti.  

Anzi, i club che non sostengono il presidente della Lazio a questo punto non sarebbero così contrari all'arrivo di un commissario in Figc e lo lascia intendere anche il prossimo appuntamento, fissato solo il 22 gennaio, quando verranno aperte le offerte per i diritti tv. Fra questi risultano Inter, Juventus, Roma (assente in assemblea, con i dirigenti a Londra per il summit con Pallotta), Fiorentina, Bologna, Sassuolo,Torino, mentre al fianco di Lotito ci sarebbero Napoli, Milan,Genoa, Chievo, Verona, Udinese, Crotone, Atalanta, con una serie di società la cui posizione non è chiara: Sampdoria, Spal,Cagliari, Benevento.    

Il n.1 della Lazio ha tempo fino a domenica per depositare la candidatura, poi potrà cominciare la ricerca di consensi fuori dalla Serie A (12% del peso elettorale). In Lega B difficilmente troverà l'appoggio di tutti i 22 club (5% dei voti), visti i duri scontri degli ultimi mesi, in cui da patron della Salernitana ha tentato la scalata al vertice di una categoria spaccata a metà. Per assicurarsi un posto nel consiglio della Figc, ha giocato su due tavoli: in Lega B e in A, dove ha proposto vari candidati presidente (anche con un inedito asse con la Juve). E forse è sempre quello il traguardo dietro l'annuncio di correre per ilvertice della Figc, lanciato in assemblea dopo aver partecipato (col commissario Carlo Tavecchio, il presidente del Torino Urbano Cairo, l'ad del Milan Marco Fassone, quello della Juve Beppe Marotta) alle consultazioni con le altre componenti.    

Ha iniziato il candidato con la base elettorale più forte, il 34% della Lnd: "Il calcio di base e quello di vertice potrebbero ricostruire l'asse storico che c'è sempre stato", ha dettoSibilia. Di asse forte ha parlato anche il presidente della Lega B, Mauro Balata. Renzo Ulivieri ha definito sconveniente puntare su uno dei vice di Tavecchio (come lo stesso Sibilia), e dopo aver proposto ieri Walter Veltroni ha tirato fuori la carta del giornalista Matteo Marani. Il presidente degli allenatori (10%) non ha accettato la candidatura al buio prospettata dalla Serie A, e così ha fatto Tommasi, che difficilmente andrà oltre il 20% dell'Assocalciatori.

La Serie A alla fine non ha indicato nessun nome, come invece invocava "per responsabilità" Marcello Nicchi, il presidente degli arbitri (2%), che "non voteranno al primo turno se si arriverà con tre candidati". "Emergono fratture nella Serie A", ha raccontato Gravina e i fatti hanno confermato le impressioni del presidente della Lega Pro (17%).

"L'assemblea non si è pronunciata su una candidatura né su una candidatura di appoggio - ha preso atto Tavecchio -, dopo domenica si vedrà". E non è detto che tutti i 3-4 candidati arrivino in fondo.

  • visualizzazioni
  • condividi
  • pubblicato12.01.2018
  • voto
    00
    ;;;;;