Azzurre seconde nella staffetta di Ruhpolding

A Ruhpolding solo la Germania fa meglio dell'Italia, terza la Svezia

Biathlon: Cdm, azzurre 2/e in staffettaL'Italia completa il tris di podi di squadra nella stagione corrente di Coppa del Mondo e, dopo il secondo posto nella staffetta mista di Oestersund e in quella maschile di Oberhof, arriva un altro secondo posto nella staffetta femminile di Ruhpolding.

L'inedito quartetto (prima d'ora era stato schierato solo a Oberhof settimana scorsa), composto da Lisa Vittozzi, Dorothea Wierer, Nicole Gontier e Federica Sanfilippo ha conteso la vittoria alla Germania padrona di casa, sostenuta dal forte tifo dei numerosi spettatori presenti sugli spalti, fino allo striscione sotto il traguardo, con una prestazione fantastica al poligono (appena tre ricariche utilizzate) che ha costretto le teutoniche a tirare fuori il meglio. Tutte e quattro le azzurre hanno fatto gara di testa nelle rispettive frazioni, confermando ormai il ruolo di prima forza del team azzurro sul massimo circuito internazionale.

"E' stato bello fino all'ultimo, ci credevamo e non era facile - ha detto Lisa Vittozzi - Siamo sempre piu' vicine al top, e' stata una gara praticamente perfetta al poligono. Personalmente dopo Oberhof ho commesso troppi errori per meritare di rimanere nelle prime posizioni, per quanto mi riguarda preferisco rimanere davanti e pensare al mio ritmo anziche' dovere recuperare perche' vado in affanno. Cosi' sono tornata a curare meglio il mio tiro, so che posso giocarmi la vittoria in ogni occasione".

Dovevo tirare fuori gli attributi per la squadra e l'ho fatto - ha spiegato Federica Sanfilippo - Siamo state positive dai primi metri fino al traguardo, questo era un quartetto inedito ma abbiamo fatto bene ugualmente. E' stata una bella battaglia sportiva con la Dahlmeier, ci ho provato a rimanere a contatto anche se sapevo che era superiore sugli sci. Ho fatto vedere a me stessa che sono capace di tirare fuori una bella gara, adesso il pensiero positivo deve correre fino a settimana prossima ad Anterselva e poi alle Olimpiadi".

"Dopo due anni di risultati abbastanza neri e' stata un'emozione grande, queste sensazioni era tanto tempo che non le sentivo - ha concluso Nicole Gontier - Oggi festeggiare tutti insieme e' la cosa piu' bella, devo ancora sistemare qualcosina al poligono, piano piano penso di riuscire ad arrivarci. Era un po' di tempo che non correvo in Coppa del mondo, sono ritornata recentemente e tutte le compagne sono state fantastiche, ringrazio la squadra e tutti gli allenatori che mi stanno aiutando nel migliore dei modi".

Sul terzo gradino del podio e' finita la Svezia a 17"2, piu' lontane Norvegia, Polonia, Repubblica Ceca e Russia. Domani domenica, ultima giornata di gare con le due mass start: uomini alle 12.15 con Lukas Hofer e donne alle 14.40 con Wierer e Vittozzi.

  • visualizzazioni
  • condividi
  • pubblicato13.01.2018
  • voto
    00
    ;;;;;